Guaranà: per la prima volta al mondo, riconosciuta l’Indicazione geografica di un popolo indigeno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un riconoscimento storico per gli indigeni Saterè dell’Amazzonia brasiliana, da sempre custodi della mitica pianta del guaranà, da cui, secondo la leggenda, tutto il loro popolo discende

Per la prima volta al mondo, l’Istituto Nazionale della Proprietà Industriale (INPI) brasiliano riconosce la terra indigena Andirá-Marau come territorio di origine delle Indicazioni Geografiche (IG) Warana (guaranà nativo) e Pane Warana (bastoncino di guaranà).

Si tratta delle prime IG utilizzate dai Sateré-Mawé per tutelare e valorizzare una produzione agroalimentare legata a fattori naturali e metodi di produzione unici. Un riconoscimento arrivato anche grazie all’impegno del consorzio dei produttori indigeni.

Cos’è l’indicazione geografica?

L’indicazione geografica  è una denominazione che identifica un prodotto legato ad un determinato determinato. Nello specifico, la tutela riguarda le indicazioni geografiche e le denominazioni di origine che identificano un paese, una regione o una località, quando ‘siano adottate per designare un prodotto che ne è originario e le cui qualità, reputazione o caratteristiche sono dovute esclusivamente o essenzialmente all’ambiente’.

Questo significa che l’IG garantisce da un lato, la tutela delle produzioni tipiche del territorio, dall’altro che i consumatori non siano ingannati nel consumo dei prodotti. In questo caso, i popoli indigeni si vedono riconosciuta “la tutela dell’ambiente come elemento fondamentale per garantire la simbiosi tra i Sateré-Mawé e le specie vegetale nella zona dell’Indicazione Geografica”.

La coltivazione del guaranà autoctono

La Paullinia cupana, meglio conosciuta come Guaranà, è una pianta rampicante di grandi dimensioni. Ha proprietà stimolanti e i suoi semi sono utilizzati per combattere affaticamento e depressione.

Il Warana, come viene chiamato dal popolo Sateré-Mawé, o guaranà nativo, ha caratteristiche uniche dovute al bioma locale e al “saper fare” degli indigeni con il proprio modo di coltivare e ottenere il prodotto.

“Da più di dieci anni grazie al supporto del Ministero dell’Agricoltura, abbiamo ottenuto questo risultato. Oltre ad essere un riconoscimento estremamente importante per gli indigeni per la sua storia e produzione unica, che conserva cultura, tradizione e know-how, è una conquista dell’intero paese. È un prodotto brasiliano al 100%, che riflette la ricchezza della nostra gente, la nostra tradizione e la nostra biodiversità”, sottolinea la coordinatrice dell’Indicazione Geografica dei Prodotti Agricoli della Carta, Débora Gomide Santiago.

“Per noi, guaranà è una parola che significa principio di saggezza, è la nostra cultura ed educazione. È in guaranà che si trova tutta la conoscenza del popolo Sateré-Mawé “, dice il rappresentante del  Consortium of Producers Sateré-Mawé  (CPSM), Obadias Batista Garcia.

La coltivazione del guaranà autoctono è realizzata artigianalmente dai produttori, che disidratano i chicchi ottenendo il bastoncino di guaranà con colore, aroma, sapore e consistenza unici. Inoltre, i guaranaza non possono essere riprodotti mediante clonazione nella regione definita. Secondo l’INPI, il metodo adottato dal Sateré-Mawé “garantisce la conservazione e l’adattamento genetico del guaranà nel suo ambiente naturale, con la terra indigena Andirá-Marau che diventa l’unica banca genetica  in situ di guaranà esistente nel  mondo”.

Le IG in Brasile

Il Brasile ha 72 Indicazioni Geografiche Nazionali (IG) registrate, 58 delle quali sono Indicazione di Origine (IP) e 14 come Denominazione di Origine (DO). Nella regione settentrionale, ci sono otto IG registrate e la terra indigena di Andirá-Marau è la prima denominazione di origine della regione.

Le altre IG sono state registrate nella modalità Indicazione di Origine. Sono: la regione di Jalapão do Tocantins, per l’artigianato, Rio Negro, per pesci ornamentali, Cruzeiro do Sul, per la farina di manioca, Maués, per il guaranà, Tomé-Açu, per il cacao, Uarini, per farina di manioca e Novo Remanso, per l’ananas.

Fonte: Ministero dell’Agricoltura Brasile

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook