Biodiversità in agricoltura: ecco l’arma per lo sviluppo sostenibile nel mondo. Paola di Vandana Shiva

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Più si intensifica la biodiversità, più si produce economia e sviluppo. Potremmo nutrire due Indie se intensifichiamo la biodiversità in agricoltura“. Con queste parole Vandana Shiva, attivista politica e ambientalista e direttrice del Research Foundation for Science, Technology and Natural Resource Policy, è intervenuta in collegamento video al convegno, promosso da Barilla Center for Food Nutrition (Bcfn), svoltosi ieri a Milano via web.

“La monocultura su grande scala ha detto – è sbagliata, e ora è un modello che è entrato in crisi. E se non passiamo all’agricoltura dei piccoli agricoltori ci saranno nuove crisi. Del resto – ha continuato l’attivista indiana – sono i piccoli produttori a rappresentare l’85% del cibo a tavola, mentre è l’agri-business a togliere gli alimenti alle persone. Perciò va valutata l’efficienza di un sistema dove una minoranza che rappresenta il 15% della produzione alimentare ha provocato la fame che affligge il pianeta su scala globale“.

Per questo Vandana Shiva ha invitato tutti a riconsiderare il tema dello sviluppo sostenibile, valutando tutti gli aspetti, anche quelli economici: dalle guerre che comportano povertà e carestie, agli Ogm che hanno creato piante resistenti ai pesticidi, fino all’impossibilità di colture biologiche nei Paesi in cui esiste un controllo quasi totale delle sementi.

Parlare solo di sementi e non parlare di biotecnologie – ha aggiunto – è come avere l’auto in panne, e limitarsi a guardare gli strumenti. Non serve a nulla guardare il crick”.

E nello stesso seminario promosso da Barilla, è emersa un’altra interessante realtà: secondo un recente sondaggio, in tutti i Paesi dell’Ue si è evidenziato un evidente calo della fiducia verso le colture transgeniche. Nel nostro Paese, la fiducia è passata dal 42% del 2005 al 24% del 2010, in Spagna dal 43% al 35%, in Portogallo dal 56% al 37%, in Francia dal 23% al 16%, mentre in Germania si attesta intorno al 22%.

È forse il segno che ci stiamo dirigendo sulla buona strada?

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook