L’Austria sarà il primo paese europeo a vietare il glifosato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Parlamento austriaco ha approvato ieri il divieto totale dell’uso di glifosato sul territorio nazionale, rendendo di fatto l’Austria il primo paese dell’Unione europea a vietare il controverso erbicida. Il provvedimento è stato preso in nome del principio di precauzione.

L’Austria vieta a maggioranza l’uso del glifosato

Nella seduta della Camera avvenuta ieri prima della pausa estiva, i deputati austriaci hanno votato a maggioranza il divieto a utilizzare prodotti contenenti glifosato, in nome del principio di precauzione.
Il glifosato è stato infatti classificato come probabile cancerogeno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

In Austria, la proposta di vietare i prodotti contenenti glifosato era stata avanzata dal Partito socialdemocratico ed è stata dibattuta per diverse settimane dai politici austriaci: contrari alla proposta, gli esponenti del partito conservatore, poiché secondo la loro opinione il divieto non sarebbe in linea con i regolamenti europei.

Dopo due anni di dibattito, infatti, l’Unione europea ha approvato l’uso del glifosato fino al 2022. La scelta sarebbe stata presa dopo aver sentito il parere di Efsa ed Echa, agenzie scientifiche che lavorano rispettivamente negli ambiti della sicurezza alimentare e dei prodotti chimici. Nonostante questo, in diversi paesi europei l’uso del glifosato è soggetto a restrizioni e sono in corso discussioni sul possibile divieto. Ad esempio la Francia aveva annunciato a inizio anno l’intenzione di voler bandire il glifosato, intenzione poi purtroppo accantonata.

Il Bauernbund, un sindacato agricolo del partito conservatore, ha accusato i parlamentari di fare populismo alle spalle degli agricoltori e spera che la misura venga rivista dalle autorità europee, poiché il glifosato è utilizzato in meno dell’1% dei terreni agricoli austriaci.

Greenpeace ha invece definito il divieto di glifosato in Austria come un successo storico, reso possibile solo grazie all’impegno di tutti.
L’associazione ambientalista ha ricordato come dal 2015 abbia lottato insieme a decine di migliaia di persone per vietare questo erbicida:

”Finalmente è arrivato il momento. L’ Austria sta per diventare il primo paese dell’UE in cui il glifosato sarà vietato” si legge dalla bacheca Facebook di Greenpeace Austria.

Sempre martedì, il Parlamento austriaco ha votato altre misure a tutela dell’ambiente, tra cui la messa al bando dei sacchetti di plastica a partire dal 2021 e il divieto di privatizzazione delle risorse idriche, nell’interesse del benessere e della salute della popolazione.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook