Albumina umana dal riso OGM

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Trasfomare il riso in albumina umana (HSA). Le frontiere della biotecnologia sembrano non avere confini. E l’ultima trovata viene dalla Cina, e precisamente dall’Università di Wuhan, dove in collaborazione con i colleghi del National Research Council of Canada e del Center for Functional Genomics della Albany University, un team di ingegneri è riuscito a ricavare albumina da alcune piantine di riso geneticamente modificate.

In particolare, le piante utilizzate sono quelle del riso asiatico (Oryza sativa). Ma perché l’albumina? Tale proteina, presente nel plasma e prodotta dalle cellule epatiche, riveste una grande importanza poiché viene utilizzata in diversi ambiti, dalla cura delle ustioni alle emorragie gravi fino alla cirrosi epatica, e infine nella produzione di farmaci e vaccini.

Presente, oltre che nel plasma anche in qualche alimento come il latte, l’albume dell’uovo e la mora, la sua produzione dal sangue umano è limitata dalla scarsa disponibilità nella donazione del sangue e dall’alto rischio di trasmissione virale da parte dei donatori.

Da qui la ricerca di un alternativa “non umana”, ma vegetale. Dai chicchi di riso asiatico transgenico infatti è possibile raggranellarne una certa quantità. Dallo studio infatti è emerso che il livello di raggiunto è pari al 10,58% della proteina solubile in un chicco di riso.

La produzione su larga scala di proteine OsrHSA, generate con una purezza superiore al 99% e con un tasso di produttività di 2,75 g/kg di riso integrale, significherebbe un ottimo risultato. E l’efficacia è pressoché garantita visto che la caratterizzazione fisica e biochimica dell’OsrHSA si è rivelata equivalente al plasma umano. Infatti l’efficienza della OsrHSA nella promozione della crescita delle cellule e curare la cirrosi del fegato nei ratti, come si evince dallo studio, è stata simile a quella dell’HSA.

Gli esperti, coordinati da Yang He, sono dunque riusciti nell’intento di modificare geneticamente le piante di riso trasformandole in vere e proprie “fabbriche” in grado di produrre l’albumina.

È un risultato molto importante, che potrebbe aprire le porte anche alla realizzazione di altre varietà di riso e altre piante in grado di produrre anche altri tipi di molecole”, ha commentato Roberto Defez, biotecnologo dell’Istituto di Genetica e biofisica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di Napoli.

Ma voi vi fidereste? L’albumina transgenica sarà davvero “salutare”?

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook