Spremute di pesticidi: come arance e limoni della Florida aumentano la resistenza agli antibiotici

arance-antibiotici

Gli agrumi provenienti dalla Florida sono pieni di streptomicina e ossitetraciclina e adesso nuovi studi ci dicono che questi pesticidi sono resistenti agli antibiotici e molto pericolosi per la salute umana. E il problema ci riguarda da vicino perché questa frutta arriva anche nelle nostre tavole.

Ne avevamo già parlato, arance, limoni e non solo, che provengono dalla Florida sono delle vere e proprie spremute di pesticidi. Questo perché in tempi non sospetti, l’amministrazione Trump ha approvato il livello massimo dell’ossitetraciclina antibiotica consentita negli agrumi. La decisione dell’Agenzia per la protezione ambientale ha aperto di fatto le porte a un uso diffuso del farmaco in California, in Florida e in altri Stati su colture come pompelmi, arance, limoni e mandarini.

Adesso ci sono delle novità perché documenti appena diffusi ci sono che l’agenzia federale americana che si occupa delle epidemie dice che spruzzare streptomicina e ossitetraciclina è pericoloso per la salute umana perché questi pesticidi comportano la resistenza agli antibiotici nei batteri.

I pesticidi erano già spruzzati in passato ma mai su larga scala. La scoperta è allarmante perché quando questi pesticidi vengono spruzzati arrivano su suolo, acqua, aria e alberi da frutto, generando così una reazione a catena.

Questo significa che si seleziona una generazione di batteri resistenti che adesso sono stati documentati dai Centers for Disease Control, ma l’Epa ha fornito solo un riassunto di ciò che è stato scoperto.

“L’unico motivo per cui siamo a conoscenza dei risultati preoccupanti dei Centers for Disease Control è che un gruppo scientifico chiamato Center for Biological Diversity ha presentato una richiesta di Freedom of Information Act e ha ottenuto lo studio completo del 2017” dice Florida Phoenix.

E ancora, secondo i giornalisti nel riassunto dell’Epa “hanno omesso la parte più importante della relazione, ovvero che l’esposizione alla streptomicina e all’ossitetraciclina può facilitare lo sviluppo di resistenza anche ad altri, più importanti, antibiotici”.

L’amministrazione Trump adotta questa misura contro il mal secco degli agrumi, ovvero un fungo che attacca solitamente limoni, cedri e bergamotti, ma mai minimamente pensa che queste sostanze possono aumentare il problema della resistenza agli antibiotici, nonostante le preoccupazioni della stessa Epa. Ma alla fine, amministrazione Trump ed Epa hanno stabilito che i benefici economici superano tutto, anche i rischi per le persone e l’ambiente.

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti si difende dicendo che la quantità di esposizione agli antibiotici alle persone che mangiano frutta o bevono succhi è molto inferiore a quella a cui le persone sono esposte quando il loro medico ordina degli antibiotici.

Nel frattempo, le infezioni resistenti ai farmaci uccidono 23mila americani ogni anno. Le Nazioni Unite dicono che le infezioni potrebbero costarci 10 milioni di vite a livello globale entro il 2050, superando le morti per cancro.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Coop

Arrivano le ciliegie “Buone e Giuste” senza glifosato di Fior Fiore Coop

corsi pagamento

seguici su facebook