asinoNe avevano bisogno. Gli asini, una tra le razze più massacrate dalla lingua dell'uomo che ne ha fatto il simbolo dell'ignoranza, ritrova la sua dignità, e da animale orgoglioso qual è torna fieramente ad essere allevato. Quando la qualità esiste, non bisogna mai temere il peggio.


E le qualità dell'asino sono tante. È molto conosciuto come eccezionale compagno di viaggi impervi, mai affaticato e privo di lamenti. Ma soprattutto ciò che ne ha determinato la crescita dell'allevamento del 30% negli ultimi 5 anni è il latte prodotto dall'asina, fondamentale per i bambini intolleranti al latte vaccino, ma usato anche per cosmetici naturali e per gelati. L'asino è altresì un compagno per persone diversamente abili e per bambini (nella pet therapy), un tosaerba naturale e un operatore per la raccolta dei rifiuti (è il caso di un paese della Sicilia che usa l'asino per trasportare la raccolta differenziata porta a porta).

L'improvviso aumento nell'allevamento di questo placido animale, è in particolare concentrato al Nord Italia. La Lombardia  ha aumentato gli asini allevati del 129% rispetto al 2003, portandosi a 4.533 esemplari seguita dalla Campania e dal Lazio. In controtendenza la Sardegna, in calo del 77%. In generale il Sud continua ad essere l'area più popolata di asini con 14.865 esemplari, poi Nord (13.735) e Centro Italia (7.693). Dati forniti da Coldiretti che ha organizzato a Roma la prima "Giornata nazionale degli asini".
Le razze più presenti sul territorio italiano sono il Ragusano, con 195 allevamenti e 2008 animali, e il Sardo, con 130 allevamenti e 1132 animali.

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog