test_radioattivit_giappone_terremoto

"Le esplosioni potrebbero esporre la popolazione a radiazioni di lungo termine, che possono aumentare il rischio di cancro. Cancro alla tiroide, cancro alle ossa e leucemia. Bambini e feti sono in particolar modo vulnerabili". Il condizionale è d'obbligo, ma le parole di Lam Ching-wan, patologo specializzato in chimica all'Università di Hong Kong, suonano come il primo inquietante campanello d'allarme per le fughe radiottive del post-terremoto che ha colpito il Giappone, classificato come il 5° terremoto con magnitudo più alta della storia dell'umanità.

Difficile prevedere dove arriveranno le nubi di gas radioattivo che i tecnici al lavoro nella centrale nucleare di Fukushima sono stati costretti a liberare nell'atmosfera. Di certo, l'esperienza di Chernobyl, Hiroshima e Nagasaki permette a tutti noi di avere una chiara e inequivocabile certezza: le radiazioni potrebbero entrare nella catena alimentare delle zone contaminate. D'altra parte, la propagazione, come per il ciclo dell'acqua, avviene in modo tanto rapido quanto semplice: le goccioline di umidità che trasportano le particelle radioattive cadono al suolo (terra o acqua) ed entrano in contatto con vegetali (erba, alghe, ecc) e, in un secondo momento, con animali che di questi vegetali si nutrono (mucche, pecore, cavalli ma anche pesci).

A questo punto il danno è fatto, perché chiunque consumi gli animali contaminati consumerà anche le particelle radioattive. In questa ottica non deve stupire la preoccupazione di Len Tin-laptossicologo e professore associato all'Università Cinese della Scuola di Scienze Mediche di Hong Kong: nessuno denuncia alla Reuters – sta misurando i livelli di radiazione del mare. Ma c'è un ulteriore passaggio da tenere in considerazione, perché non solo le mucche, ma anche il latte delle mucche potrebbe risultare contaminato. A farne le spese sarebbero prima di tutto i bambini, sia perché il loro consumo di latte è maggiore, sia perché lemutazioni del DNA hanno un effetto più devastante su cellule in fase di crescita che su cellule già sviluppate.

Esattamente ciò che è accaduto a Chernobyl – afferma un esperto che preferisce rimanere anonimo – [dove] sfortunatamente i rischi non erano stati comunicati ai genitori.

E in Italia? "Niente rischi per gli italiani a tavola poiché gli arrivi di prodotti agroalimentari dal Giappone sono del tutto marginali per un importo che nel 2010 ha raggiunto solo i 13 milioni di euro, appena lo 0,03 per cento dell’import agroalimentare totale del nostro paese che nello stesso anno è stato pari a 36.346 milioni" fa sapere la Coldiretti analizzando i dati sul commercio estero con il Giappone, gravemente colpito dalla grave tragedia del terremoto e dall’incubo della contaminazione nucleare per la radioattivita’. Peraltro le importazioni - sottolinea la Coldiretti - riguardano per ben 3 milioni di euro piante e fiori che non sono destinate a fini alimentari mentre si rilevano arrivi praticamente irrisori, nell’ordine, di semi oleosi, bevande alcoliche, oli vegetali, prodotti dolciari, pesce e thè.

Roberto Zambon

Leggi tutti i nostri articoli sul terremoto in Giappone

Leggi l'articolo di wellme sui rischi per la salute della contaminazione

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram