Il glifosato fa male anche sotto alla soglia consentita. Lo studio italiano

Glifosato studio globale

Anche a livelli considerati sicuri, il glifosato causa gravi effetti riproduttivi e di sviluppo. È la conferma che arriva da un nuovo studio pilota sull’esposizione a erbicidi a base di glifosato, da cui emerge che anche la più bassa dose di 1,75 mg per ogni kg di peso corporeo al giorno raccomandata dall’Epa è nociva. È per questo che gli scienziati auspicano ricerche a più lungo termine.

A condurre le indagini è l’Istituto Ramazzini di Bologna, che ha pubblicato oggi sulla rivista Environmental Health i nuovi risultati dello studio pilota, che altro non fa che confermare l’azione interferente dell’erbicida mostrata nei lavori pubblicati precedentemente.

Da qui alla necessità, secondo gli scienziati, di uno studio a lungo termine, il passo è breve: dal momento che tracce dell’erbicida sono state riscontrate praticamente ovunque, dalla birra e vino agli assorbenti alle farine, uno studio a lungo termine sugli erbicidi a base di glifosato a partire dalla vita prenatale consentirà di confermare le prime evidenze sulle alterazioni endocrine e sullo sviluppo emerse proprio dallo studio pilota.

A tale proposito, già nel 2017 l’istituto di Bologna ha lanciato una campagna di crowdfunding.

Lo studio

Gli erbicidi a base di glifosato (GBH) sono erbicidi ad ampio spettro che agiscono su batteri, funghi e piante. I possibili effetti dei GBH sulla salute umana sono oggetto di un intenso dibattito pubblico per i suoi potenziali effetti cancerogeni e non cancerogeni, compresi potenziali effetti sul sistema endocrino.

Lo studio pilota ha esaminato se l’esposizione a GBH alla dose di glifosato considerata “sicura” (l’assunzione giornaliera accettabile dagli Stati Uniti è di 1,75 mg/kg di peso corporeo/giorno), a partire dalla vita in utero, influenzi lo sviluppo e il sistema endocrino in diverse fasi della vita.Gli studiosi, insomma, hanno analizzato la tossicità degli erbicidi a base di glifosato in diversi periodi dello sviluppo (neonatale, infanzia, adolescenza) e identificato precoci marker espositivi.

Il glifosato e un suo formulato (il Roundup Bioflow, MON 52276) sono stati testati a partire dalla vita embrionale fino a 13 settimane dopo lo svezzamento e si è dimostrato che l’esposizione a GBH, dal periodo prenatale all’età adulta, ha indotto effetti endocrini e parametri alterati nello sviluppo riproduttivo. In particolare, è emerso un aumento di testosterone nelle femmine con effetto “mascolinizzante”.

La ricerca è stata condotta sui ratti (Sprague Dawley), ma sottolinea l’urgenza di approfondire gli effetti sull’uomo a lungo termine e di verificare se gli effetti finora osservati siano riscontrabili anche con dosi ancora minori, come quella consentita in Europa (in Europa la Dga è fissata a 0,5 mg/kg).

La campagna di crowdfunding

L’Istituto Ramazzini, con il supporto di altri Istituti e Università indipendenti dall’Europa agli Stati Uniti, ha lanciato una campagna di crowdfunding per finanziare il più grande studio integrato a lungo termine sugli effetti dei GBHs.

Dopo il nostro studio pilota ci sono ancora più domande sugli effetti dell’esposizione a glifosato, domande alle quali non è ancora possibile dare una risposta certa, compresa la questione della mancanza di consenso tra le autorità regolatorie e l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) sul potenziale cancerogeno di questa sostanza. I possibili effetti sulla salute degli erbicidi contenenti glifosato, comprese le alterazioni del microbioma, le interferenze endocrine e i difetti dello sviluppo osservati nel nostro studio pilota, non sono ancora state affrontati in maniera esaustiva, nonostante le preoccupazioni sollevate a livello globale”, dichiara Fiorella Belpoggi, Direttrice del Centro di ricerca sul cancro Cesare Maltoni dell’Istituto Ramazzini.

È per questo motivo che sarà utile uno studio sistematico e integrato a lungo termine sull’erbicida per fornire dati solidi e permettere alle agenzie regolatorie, ai governi e ai cittadini di tutti i paesi del mondo di quanto il glifosato e i prodotti che lo contengono siano sicuri agli attuali livelli di esposizione.

Il budget totale per questo studio è di 5 milioni di euro. La campagna è ancora attiva qui.

Leggi anche:

Germana Carillo

arona tgi

SEAT

Nuova SEAT Arona TGI a metano: prezzi, modelli e caratteristiche

whatsapp

WhatsApp

greenMe è su WhatsApp! News sul tuo cellulare ogni giorno

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram