pesticidi

Ecco perché i pesticidi, anche quelli usati decine di anni fa, stanno minacciando le colture europee e distruggendo la biodiversità

I pesticidi hanno portato, negli ultimi cinquant’anni, a un aumento della produttività delle colture agricole europee a discapito della salute del terreno. A stabilirlo è una nuova ricerca.

L'uso di prodotti fitosanitari per combattere le erbe infestanti e altri parassiti delle piante ha permesso di ottenere maggiori raccolti, ma a che prezzo? Quello del sovra sfruttamento del terreno, della perdita della biodiversità e delle ripercussioni sulla salute umana.

Due ricercatori del team scientifico del progetto europeo Diverfarming dell'Università di Wageningen (Paesi Bassi), Violette Geissen e Coen J. Ritsema, hanno analizzato campioni di suolo di 11 paesi europei alla ricerca di tracce dei pesticidi.

Dopo aver analizzato 317 campioni prelevati nel 2015 appartenenti a sei diversi sistemi colturali, lo studio che ne è emerso ha confermato che l'83% conteneva pesticidi in forma di 76 composti diversi.
Nel 58% dei casi i ricercatori hanno trovato un mix di pesticidi, mentre nel 25% un unico erbicida. In generale parliamo di glifosato, il DDT (vietato dagli anni '70) e i fungicidi.

Secondo il team si arriva a due considerazioni che riguardano la persistenza dei pesticidi nel suolo che ormai hanno praticamente invaso le colture e la tossicità di queste sostanze che oltre a uccidere api e altri insetti arrivano nei nostri piatti.

“Considerando che i residui si accumulano nella parte più alta del suolo, facilmente si disperderanno nell'aria a causa delle correnti”, dicono gli studiosi.

E questo in realtà lo sapevamo già, ma adesso per far fronte a questo problema, il progetto Diverfarming finanziato dal programma H2020 della Commissione europea, propone un uso più razionale del terreno in cui ci sia equilibrio tra acqua, energia, fertilizzanti e pesticidi vari.

pesticidi cordoba

Foto

Si tratterebbe di incentivare sostanze che uccidono le erbe infestanti ma non la biodiversità e gli insetti, fertilizzanti organici che siano alleati delle colture e possano riequilibrare il suolo.

Secondo lo studio, la presenza di miscele di residui di antiparassitari nel suolo è più la regola che l'eccezione e tutto ciò illustra la necessità di valutare i rischi ambientali per ridurre al minimo il loro impatto.

Leggi anche:

 

Dominella Trunfio

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram