Tutto quello che bisogna imparare dal Paese che ha sconfitto la disinformazione digitale, fin dalle scuole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'Estonia dal 2010 ha avviato diversi programmi scolastici per far conoscere e riconoscere le fake news fin dalla più tenera età perché saper affrontate le sfide e i tranelli della reta diventa sempre più importante

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

La lotta alle fake news e agli attacchi cibernetici in Estonia si insegna a scuola dove apprende come riconoscere pericoli e falsità. Questo paese dell’est Europa nel 2007 ha subito un pesantissimo cyber-attack dall’ex madre patria russa con il risultato di rivolte nelle strade di Tallin per la diffusione di notizie tendenziose. Dal 2010 sono stati avviati programmi obbligatori e non per tutti i cicli scolastici focalizzati sull’educazione alla cultura digitale e alla sicurezza.

Sicurezza digitale dall’asilo all’università

All’asilo i bambini utilizzano giocattoli con manopole e mandare impulsi a un insetto per far compiere determinate azioni, un’attività propedeutica alla comprensione del coding e del funzionamento degli algoritmi. Alle scuole elementari e medie i concetti sono integrati nelle normali lezioni: nell’ora di matematica si studia come leggere le statistiche e la loro manipolazione; nei corsi d’arte si analizzano immagini e pubblicità. Alle superiori è obbligatorio frequentare il corso su media e influenza per capire meglio il ruolo dei media e del giornalismo, il funzionamento di social network, bot e troll. Alcune università hanno ideato dei corsi per analizzare il giornalismo mainstream e il fact-checking.

Nel Media Literacy Index 2021, compilato dall’Open Society Institute (OSI), l’Estonia si è posizionata terza, dietro a Finlandia e Danimarca, salendo sul podio delle nazioni con il più alto potenziale di resistere alla disinformazione in base alla qualità dell’istruzione, alla libertà dei media e all’elevata fiducia tra le persone. L’Italia si è classificata al 21esimo posto su 35 paesi presi in esame.

Sicurezza in Rete, i dati presentati al Ministero dell’Istruzione

In occasione della Giornata mondiale per la sicurezza in Rete, celebrata l’8 febbraio, è stata presentata presso il Ministero dell’Istruzione la ricerca annuale realizzata da Generazioni Connesse su un campione di 2.472 studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Il 42% resta collegato dalle 5 alle 10 ore al giorno, contro il 59% dello stesso periodo dell’anno scorso. Chi si definisce “sempre connesso” scende dal 18% del 2021 al 12% del 2022. Il restante 46% degli adolescenti coinvolti, invece, stima di trascorrere online meno di 4 ore al giorno, contro il 23% complessivo di 12 mesi fa. Il 55% dei giovani sostiene di aver ricevuto indicazioni sulla sicurezza online, soprattutto dai docenti.

Il ministro per l’Istruzione, Patrizio Bianchi, in occasione di questa giornata ha sottolineato l’importanza del digitale e come le “competenze digitali che trasmettiamo alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi non riguardano solo la capacità di conoscere gli strumenti, ma di governarli”. Ha poi chiosato: “Le parole sono pietre, spesso vengono lanciate in Rete con poca attenzione, ma ogni parola conta e la scuola deve insegnarlo”.

 

La ricerca presentata dall’onlus Telefono Azzurro

Anche la storica onlus Telefono Azzurro, attiva dal 1987, ha condotto una recente analisi su un campione di 815 giovani, tra i 12 e i 18 anni, e di 855 genitori, su temi legati alla presenza online degli adolescenti. Il 53% dei giovani intervistati rimane connesso tra una e tre ore al giorno; il 43% dichiara di aver fatto acquisti in autonomia per motivi di gioco; il 25% ha usato la carta di credito dei genitori previa autorizzazione, il 4% all’insaputa degli adulti.

 

Le paure dei genitori

Dalla survey emerge la preoccupazione dei genitori per i pericoli della rete: l 63% teme che i figli possano essere adescati online da predatori adulti con scopi sessuali; il 38% che i giovani possano rimanere vittime di bullismo o che prendano parte a sfide pericolose per il 29%. Infine il 25% degli adulti immagina che possano ricevere richiesta di invio di foto provocanti da parte dei coetanei  o che accedano a contenuti pornografici (24%).

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

FONTI: Media Literacy Index; Ministero dell’Istruzione; Internet Safer day;  Telefono Azzurro e Doxa Kid

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in lettere moderne con la passione per il digitale. Giornalista professionista dal 2010: curiosa e fantasista della comunicazione, dalla tv al web.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook