Sei oggetti che mi aiutano a essere green

molle fermacarte

Tra i tanti consigli che riceviamo per ridurre il nostro impatto ambientale, eccovi la mia personale selezione di 6 oggetti che mi aiutano a essere più green nel quotidiano:

  1. ciabatta elettrica con interruttore: ci collego la televisione, il lettore DVD, e il lettore cd/radio. Quando mi servono accendo la ciabatta, quando non mi servono la spengo. E così sono sicura di non sprecare energia inutilmente.
  2. sportina di stoffa: la tengo sempre in borsa per qualsiasi evenienza. Non pesa, non occupa troppo spazio, non dà alcun fastidio. Così sono pronta a rifiutare la busta o il sacchetto in qualsiasi negozio in caso di shopping occasionale (o compulsivo). Non importa se me ne offrono uno di carta o di plastica biodegradabile: meno cose usa-e-getta si usano, meno rifiuti si creano, meglio è per tutti.
  3. pile ricaricabili: macchina fotografica, sveglia, telecomandi vari, quanti oggetti che si alimentano a pile usiamo? Nel mio caso è soprattutto la macchina fotografia a esigerne in grandi quantità (quando l’ho cambiata – meglio, quando mi sono fatta regalare quella nuova – una condizione irrinunciabile era che fosse alimentata a stilo, per non dover tenere in casa l’ennesimo carica batterie). Sono anni che non compro più pile, e sapendo quanto sono pericolose se non smaltite correttamente ne sono decisamente contenta. Poi vale sempre il solito discorso: meno usa-e-getta, meglio è.
  4. “mollettina” per i fogli di carta: non so bene come si chiami, l’ho rispolverata di recente. La uso ovviamente per recuperare i fogli di carta scritti da un lato, anche di pubblicità e bollette, e farne bloc notes per prendere appunti in casa e in ufficio. Recuperando pezzi di cartone ci si possono fare anche dei quadernetti da tenere in borsa per gli scarabocchi occasionali.
  5. catino: ve ne avevo già parlato, ma in questa lista ci deve stare lo stesso. Lo uso per recuperare l’acqua quando mi lavo le mani o i denti (quella recuperabile), o mentre aspetto che l’acqua della doccia diventi calda e la uso per il gabinetto.
  6. tessera dell’autobus: non ho la macchina, e nemmeno il motorino (anche se ci sto pensando… da anni…), possiedo solo la tessera del bus. Risparmio benzina e pneumatici, ed evito di peggiorare la qualità dell’aria. Lo ammetto, non è facile, anzi è una tortura con quelle lunghe attese alla fermata dell’autobus, visto che dove vivo (Roma) il sistema del trasporto pubblico locale non è il migliore del mondo. Per fortuna tra poche settimane apre la metropolitana vicino a casa, a quel punto andrà molto meglio.

E la vostra selezione di oggetti, differisce molto dalla mia?

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

corsi pagamento

seguici su facebook