La stanza degli abbracci che ha riportato il sorriso agli anziani di una RSA veneta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La stanza degli abbracci che ha riportato il sorriso agli anziani di una RSA veneta, dove possono rivedere e riabbracciare i parenti.

Le residenze per anziani sono uno dei luoghi a maggior rischio di contagio e la solitudine spesso la fa da padrona, dato che i familiari non possono visitare i propri parenti. Con tutte le conseguenze psicologiche che il distanziamento forzato provoca, dal senso di abbandono al totale sconforto.

Per ovviare al problema il Centro Servizi alla Persona Domenico Sartor di Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, ha avuto un’idea brillante. Creare le cosiddette “Emozioni dell’abbraccio“, due postazioni dove i parenti possono davvero abbracciare e toccare i propri cari, separati da protezioni di plastica impermeabile trasparente.

E non solo. Il centro servizi ha creato anche un “Cubo sensoriale interattivo” per stimolare i sensi e rilassare gli ospiti, mentre nel Salone delle Rose i parenti possono vedere in sicurezza, grazie a dei separatori in vetro, i propri cari e persino toccarli tramite dei guanti.

Davvero una bella idea che ci auguriamo venga imitata anche altrove per affiancare e supportare gli anziani in questo difficile momento.

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook