Expo 2015: Padiglione Svizzera, il No allo spreco alimentare (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È stato il primo Paese ad aver aderito ufficialmente a Expo 2015 e forse quello che ha interpretato meglio lo slogan Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. La Svizzera non bada tanto alla sontuosità della costruzione ma punta sui contenuti centrando il concetto di sostenibilità alimentare.

Ce n’è per tutti? Si legge in una delle quattro torri che sorgono sul Decumano. E infatti, all’interno le pareti sono grandi magazzini con i quattro prodotti della tradizione alimentare svizzera: caffè, mele, sale e acqua. I visitatori possono prendere tutto ciò che vogliono gratuitamente tenendo però presente che le risorse per tutta la durata dell’Expo non verranno rifornite.

Quindi solo un utilizzo responsabile con una buona dose di generosità permetterà la disponibilità delle materie prime a tutti i visitatori futuri. L’abbassamento del pavimento è proporzionale al consumo dei prodotti e la segnalazione esterna dei quantitativi disponibili, rende di fatto le torri un termometro gigante.

svizzera2

In realtà però ad appena due settimane dall’apertura dell’esposizione universale mele e bicchieri d’acqua erano già terminati, sintomo questo che il tema della scarsità delle risorse e della responsabilità individuale e collettiva non è stato del tutto percepito. Eppure la frase: Hai paura di restare senza? dovrebbe far riflettere sull’allarme lanciato dal nostro Pianeta.

Il Padiglione. Nasce da un progetto dello Studio Netwerch GmbH Brugg. Le quattro torri, nella loro funzione di depositi, richiamano il mondo della tecnologia e delle macchine, la terrazza di legno e gli edifici con tetto a due spioventi alludono ai tradizionali paesini svizzeri. Una volta fintio Expo le torri saranno riutilizzate come serre urbane. Il 75 per cento del materiale utilizzato nel Padiglione e nelle sue infrastrutture potrà essere recuperato.

Dominella Trunfio

Photo Credits: ItalyphotoPresse e Milanoexpo2015

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook