@loonara/123rf

Dieta nutritariana: cosa mangiare per perdere peso senza contare le calorie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Amate gli alimenti vegetali e avete bisogno di perdere peso? La dieta nutritariana potrebbe fare al caso vostro, si mangiano infatti prevalentemente verdura,  legumi, frutta secca, semi oleosi e funghi

Tra le tante diete più o meno popolari che circolano, soprattutto negli Stati Uniti, vi è anche la dieta nutritariana, ideata dal dottor Joel Fuhrman autore del libro “La dieta nutritariana: l’alimentazione che impedisce scientificamente di ingrassare”.

Secondo la sua teoria, questo regime alimentare è indicato per le persone che devono perdere peso o mantenerlo ma anche per chi soffre di fame nervosa o vuole rallentare il processo di invecchiamento.

Leggi anche: Dieta del rientro: trucchi e consigli per disintossicarsi e perdere peso dopo le vacanze

Come funziona

Il dottor Fuhrman è convinto che i cibi che hanno più alta densità nutrizionale siano maggiormente appaganti di quelli che invece si contraddistinguono per un alto apporto calorico. Scegliere soprattutto i primi, all’interno della propria alimentazione quotidiana, sarebbe dunque il trucco per liberarsi definitivamente da quel desiderio, a volte incontrollabile, di dolci, carboidrati e alimenti grassi.

Gli alimenti vegetali, naturali e colorati, contengono il più vasto assortimento di micronutrienti, compresi alcuni fitochimici con potere anticancro.

Assumendo cibi molto ricchi in nutrienti, secondo la teoria che porta avanti questa dieta, riusciamo a favorire le capacità del nostro organismo di assimilare sostanze buone ma anche di autoguarirsi. Seguendo questo regime alimentare, dunque, si potrebbe riuscire ad ottenere un doppio risultato: perdere peso e migliorare la propria salute.

Ma cosa nello specifico bisogna consumare se si intende seguire questa dieta?

Dieta nutritariana: cosa mangiare

La prima cosa, e probabilmente la più importante, che questa dieta consiglia è di mangiare ogni giorno insalata mista, considerata una vera e propria portata e non relegata a semplice contorno.

Questa deve essere composta tenendo conto di specifiche indicazioni. Devono essere sempre inseriti all’interno:

  • una crucifera cruda
  • una verdura a foglia verde
  • cipolla
  • funghi cotti
  • verdure e frutti colorati come peperoni e pomodori
  • frutta secca o semi oleosi

Come condimenti sono concessi salsa di pomodoro e hummus di ceci.

dieta-nutritariana-infografica

@Dottor Fuhrman

Tutti i giorni vanno poi assunti anche i legumi, utili per raggiungere il fabbisogno proteico quotidiano ma anche importante fonte di amidi.

Via libera poi a verdure cotte da accompagnare con frutta secca o semi oleosi dato che questi, secondo quanto ritiene il dottor Furhman, aiutano ad assimilare meglio i micronutrienti.

Anche la frutta è molto presente nella dieta nutritariana, è consigliato infatti di consumarla fresca 3 volte al giorno. I frutti da prediligere sono melograno e frutti di bosco.

Chi non sa rinunciare alla carne può inserirla all’interno della sua alimentazione, anche quotidianamente, ma in maniera molto moderata. Le donne non dovrebbero superare i 40 grammi al giorno, mentre gli uomini hanno come limite 70 grammi.

Gli unici alimenti da evitare sono:

  • Zucchero e altri dolcificanti
  • Olio
  • Sale
  • Prodotti da forno trasformati
  • Prodotti a base di farina bianca

C’è da sottolineare poi che questa dieta non richiede il conteggio calorico e non prevede l’utilizzo di menu giornalieri o settimanali fissi. Si possono mangiare gli alimenti consigliati in maniera libera fino a completa soddisfazione fermandosi però prima di sentirsi completamente sazi.

Si consiglia infine di mangiare solo durante i tre pasti principali, senza fare spuntini. Bisogna lasciare almeno 13 ore tra l’ultimo pasto della giornata e la colazione in modo da dare al corpo il tempo necessario per entrare nella fase catabolica (ossia brucia grassi) della digestione.

Dieta nutritariana: controindicazioni

Anche questa dieta, apparentemente sana, può avere controindicazioni ed effetti collaterali. Come sempre vi consigliamo di non scegliere il fai da te ma di rivolgervi ad un nutrizionista che possa concordare insieme a voi e in base alle vostre caratteristiche, la dieta più adatta.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: “La dieta nutritariana: l’alimentazione che impedisce scientificamente di ingrassare”

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook