La dieta mediterraneala meno inquinante rispetto a quella USA e UK

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La dieta mediterranea è meno inquinante rispetto all’alimentazione tipica di Gran Bretagna e Stati Uniti. In questo caso il riferimento è alla dieta mediterranea in declinazione spagnola.

I ricercatori spagnoli in un nuovo studio hanno evidenziato che il menù tipico servito in Spagna presenta un‘impronta di carbonio inferiore rispetto ai piatti proposti negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Health Services Research & Policy con il titolo di “Comparison of the carbon footprint of different patient diets in a Spanish hospital”. L’impronta di carbonio media di un piatto spagnolo basato sulla dieta mediterranea è di 5,08 kg di Co2 equivalente.

Si tratta di un risultato molto inferiore rispetto a quello dei piatti tipici serviti nel Regno Unito (7,4 kg di Co2) e negli Stati Uniti (impronta di carbonio tra 8,5 e 8,8 kg di Co2 equivalente). I ricercatori spagnoli hanno fatto i propri calcoli analizzando i menù di 448 pranzi e di altrettante cene serviti presso l’ospedale Juan Ramón Jimenez di Huelva.

Ogni piatto del pranzo e della cena era basato su una dieta equivalente a quella mediterranea. Come hanno specificato gli esperti, si è trattato del tipico menù che avrebbe potuto essere servito in qualunque scuola, ristorante o famiglia spagnola.

Tra i piatti analizzati dagli esperti troviamo pietanze tipiche come il gazpacho andaluso, la paella, il pilchero – un piatto simile allo stufato – e il pisto manchego, una frittata preparata con le verdure di stagione.

L’impronta di carbonio di ciascun piatto è stata calcolata a partire dai valori relativi degli ingredienti coltivati, pescati o prodotti che ogni portata conteneva. Come mai i piatti della cucina spagnola hanno ottenuto valori di inquinamento inferiori rispetto a Stati Uniti e Regno Unito?

La motivazione è molto semplice. La cucina spagnola contiene meno carne rispetto a quella dei Paesi anglofoni. In Spagna la carne viene consumata meno spesso rispetto a Usa e Uk e i piatti spagnoli sono molto più ricchi di frutta e verdura. Mentre la carne ha un’impronta di carbonio elevata, quella di frutta e verdura è molto più bassa.

Dunque gli esperti chiedono a tutti di seguire non soltanto une dieta più sana ma anche più ecologica dato che i cambiamenti climatici sono diventati una priorità internazionale che deve essere contrastata in tutto il mondo, anche a partire dalla nostra dieta di ogni giorno.

Marta Albè

Leggi anche:

Dieta mediterranea: benefici ed errori di quella odierna
Dieta mediterranea, amica (anche) dei reni
Dieta mediterranea: il segreto per vivere a lungo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook