Dieta degli avanzi: come funziona e i trucchi per non ingrassare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In questi giorni di festa molti di noi hanno collezionato tanti avanzi di cibo. Anche se ci siamo messi a dieta è un vero peccato sprecarli. Ecco allora come rendere i vostri avanzi compatibili con un regime alimentare controllato, insomma alcuni trucchi per non ingrassare anche mangiando cibi sostanziosi.

Dopo Natale e Capodanno molto probabilmente la nostra bilancia segna qualche chilo in più. Per questo si corre ai ripari mettendosi subito a dieta, uno dei primi buoni propositi del nuovo anno.

Capita però in queste giornate, almeno fino all’Epifania, che continuino un po’ le feste sotto forma di pranzi e cene con parenti e amici e di conseguenza ci troviamo alle prese con gli avanzi da smaltire.

Possono diventare questi dei cibi adatti anche a chi sta a dieta? Se si seguono alcuni accorgimenti molto probabilmente si.

Dieta degli avanzi, come funziona

La dieta degli avanzi ci consente di non sprecare nulla di quanto avanzato, il che sarebbe un vero peccato sia per il nostro portafoglio che, maggiormente, per il fatto davvero poco etico di gettare via del cibo ancora buono.

Gli avanzi possono essere i più vari: antipasti, primi, secondi, contorni e probabilmente anche dolci come il pandoro e il panettone che tutti (o quasi) hanno in casa durante le feste. Di solito si tratta comunque di cibi ben conditi e calorici che in generale non si sposano molto bene con una dieta. E’ possibile però consumarli ugualmente ricorrendo ad alcuni stratagemmi che vi riveliamo poco più in basso.

Come concetto di base, ricordatevi di prestare attenzione a conservare al meglio gli avanzi di pranzi e cene delle feste, in un precedente articolo vi avevamo dato importanti suggerimenti per evitare di sprecare cibo ma anche per tenere alla larga possibili contaminazioni alimentari.

I trucchi per non ingrassare mangiando avanzi

Innanzitutto la prima cosa da fare è limitarsi con le porzioni che devono essere piccole soprattutto relativamente a quei cibi che risultano molto ricchi di grassi.

Ricordatevi poi di iniziare sempre con della verdura cruda (se vi è avanzata dell’insalata ad esempio è ottima) o cotta in modo da riempire prima lo stomaco con i cibi più sani riuscendo meglio poi a controllare la fame quando si arriva ad un primo o secondo piatto fatto di avanzi sicuramente più sostanziosi e impegnativi.

Per aiutarsi ulteriormente si dovrebbe bere anche molta acqua o tisane (prima o comunque lontane dai pasti), altro stratagemma che contribuisce a limitare le porzioni di avanzi che si consumano.

Anche i dolci non sono banditi, meglio però consumarli solo a colazione, il momento della giornata in cui abbiamo la possibilità di smaltirli al meglio soprattutto se facciamo anche un po’ di attività fisica o lavoriamo.

Si può giocare poi un po’ d’anticipo. Se ad esempio abbiamo un pranzo o una cena in cui cuciniamo (e di conseguenza con probabilità avremo degli avanzi) scegliamo menù gustosi ma meno ricchi di condimenti grassi. Possiamo utilizzare un mix di spezie ed erbe aromatiche piuttosto che molto sale, scegliere olio extravergine di oliva piuttosto che burro o altri grassi animali, ecc.

Per gli spuntini possiamo adoperare gli avanzi di frutta secca (datteri, fichi, albicocche, ecc.) che sono tradizionali nei giorni di festa. Naturalmente anche in questo caso non bisogna eccedere con le porzioni.

Se tra i vostri avanzi ci sono poi pietanze davvero troppo grasse o che non avete piacere di mangiare nel momento in cui decidete di mettervi a dieta, ricordate che c’è sempre l’opzione congelamento.

Ricapitolando potete stare a dieta e riutilizzare gli avanzi a patto di:

  • Ridurre le porzioni soprattutto di cibi grassi e molto conditi
  • Mangiare il più possibile prima dei pasti verdura fresca cruda o a limite cotta
  • Bere molta acqua fuori pasto o tisane
  • Fare spuntini spezza fame ad esempio con frutta secca
  • Cucinare con poco sale utilizzando più altro spezie ed erbe aromatiche
  • Usare condimenti sani come l’olio extravergine d’oliva
  • Mangiare dolci solo a colazione
  • Le cose troppo grasse o non gradite quando si sta a dieta possono essere congelate e mangiate in momenti diversi

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook