Oltre metà delle Regioni in zona gialla da lunedì 26 aprile, ma la Sardegna resta rossa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Italia tornano le zone gialle da lunedì 26 aprile. In base ai nuovi dati del monitoraggio forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, sono oltre la metà le Regioni che passeranno nella fascia a basso rischio, in cui ripartirà il settore della ristorazione e riprenderà gradualmente il mondo dello sport e dello spettacolo. A restare arancioni saranno cinque Regioni, ovvero la Calabria, la Sicilia, la Puglia, la Basilicata e la Valle d’Aosta, mentre per la Sardegna è stato confermato il rosso, dove l’incidenza dei contagi resta alta.

Leggi anche: Il Lazio è in zona gialla da lunedì 26 aprile, arriva l’ufficialità dal presidente Zingaretti

Regioni e province in zona gialla 

Ecco quali sono le Regioni e le Province autonome che passeranno in fascia gialla da lunedì 26 aprile:

  • Abruzzo
  • Emilia-Romagna
  • Friuli-Venezia Giulia
  • Lazio 
  • Liguria
  • Lombardia
  • Marche
  • Molise
  • Piemonte
  • Campania
  • Toscana
  • Umbria
  • Veneto
  • Provincia autonoma di Trento
  • Provincia autonoma di Bolzano

Leggi anche: Quando (e come) potremo andare al ristorante e al cinema? Cosa prevede il nuovo decreto

Regioni in zona arancione

Queste, invece, le Regioni in fascia arancione da lunedì:

  • Calabria
  • Sicilia 
  • Puglia 
  • Valle d’Aosta
  • Basilicata

Regioni in zona rossa

  • Sardegna

Fonte: Istituto Superiore di Sanità

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook