Come ottenere il Green pass: tutto quello che devi sapere sulla certificazione verde

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutte le novità sul Green pass: a cosa serve, come ottenerlo sia in versione digitale che cartacea e come verranno usati i dati personali 

Il Green pass diventa operativo. Nel Dpcm firmato ieri dal premier Mario Draghi vengono definite nel dettaglio le modalità di rilascio delle certificazioni verdi digitali Covid-19, che renderanno più semplice l’accesso ai grandi eventi e faciliteranno gli spostamenti nei Paesi dell’Unione europea. Da ieri è finalmente attiva anche la piattaforma online del Governo dedicata al Green pass, in vigore dal 1° luglio su tutto il territorio dell’Ue. Ma come funziona esattamente? E come richiederlo? Quali sono le tempistiche? Vediamo tutte le novità chiarite dalle FAQ pubblicate sul sito appena lanciato.

Leggi anche: Green pass europeo: come funziona? Chi lo deve rilasciare? Spetta anche a chi ha fatto solo la prima dose?

Cos’è il Green pass?

La Certificazione verde COVID-19 potrà essere richiesta per partecipare a eventi pubblici, per accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”. Inoltre, dall’1 luglio la Certificazione verde COVID-19 sarà valida come EU digital COVID certificate e renderà più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen.

Le condizioni per ottenere il Green pass

La certificazione verde, che potrà essere richiesta sia in versione digitale che cartacea, attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver ricevuto la vaccinazione anti-Covid (vale dopo 15 giorni dalla prima dose e per 9 mesi dopo il richiamo)
  • essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore
  • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi

Leggi anche: Green pass: come richiederlo anche solo dopo la prima dose di vaccino

Come funziona?

In Italia è il Ministero della Salute a rilasciare la Certificazione verde COVID-19 attraverso la Piattaforma nazionale, sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Province Autonome.

Ecco le principali caratteristiche di funzionamento indicate nelle FAQ:

  • Dopo la vaccinazione oppure un test negativo oppure la guarigione da COVID-19, la Certificazione viene emessa automaticamente in formato digitale e stampabile dalla piattaforma nazionale.
  • Quando la Certificazione sarà disponibile, riceverai un messaggio via SMS o via email, ai contatti che hai comunicato quando hai fatto il vaccino o il test o ti è stato rilasciato il certificato di guarigione; il messaggio contiene un codice di autenticazione (AUTHCODE) e brevi istruzioni per recuperare la certificazione.
  • Puoi acquisire la Certificazione da diversi canali in modo autonomo: su questo sito con accesso tramite identità digitale (Spid/Cie) oppure con Tessera Sanitaria (o con il Documento di identità se non sei iscritto al SSN) in combinazione con il codice univoco ricevuto via email o SMS; nel Fascicolo sanitario elettronico; tramite l’App “Immuni”. Consulta come ottenere la Certificazione verde COVID-19.
  • La certificazione contiene un QR Code con le informazioni essenziali. Agli operatori autorizzati al controllo devi mostrare soltanto il QR Code sia nella versione digitale, direttamente da smartphone o tablet, sia nella versione cartacea.
  • L’emissione della Certificazione è gratuita per tutti, disponibile in italiano e in inglese e, per i territori dove vige il bilinguismo, anche in francese o in tedesco.

Come ottenere il Green pass online?

Acquisire la Certificazione verde COVID-19 è semplice. Sono stati previsti più canali, con o senza identità digitale, da utilizzare in piena autonomia o con assistenza.

green pass digitale

@dgc.gov.it

Con identità digitale

Dopo esserti autenticato con le tue credenziali SPID o CIE, puoi acquisire la Certificazione verde COVID–19 (clicca qui per accedere utilizzando  l’identità digitale)

Con Tessera Sanitaria o documento di identità

Puoi ottenere la Certificazione verde COVID–19 senza utilizzare l’identità digitale (SPID o CIE).

Se possiedi la Tessera Sanitaria inserisci:

  • le ultime 8 cifre del numero identificativo della tua tessera sanitaria,
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
  • il tampone molecolare (CUN)
  • il tampone antigenico rapido (NRFE)
  • il certificato di guarigione (NUCG).
  • In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria. 

Se non possiedi la Tessera Sanitaria, in quanto non sei iscritto al SSN, inserisci:

  • il tipo e numero di documento che hai fornito in sede di esecuzione del tampone o di emissione del certificato di guarigione
  • la data di scadenza della stessa

uno dei codici univoci ricevuti con:
-il tampone molecolare (CUN)
-il tampone antigenico rapido (NRFE)
-il certificato di guarigione (NUCG).
In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti 

Tramite App

Immuni: Puoi acquisire la Certificazione verde COVID-19 utilizzando l’App Immuni attraverso l’apposita sezione “EU digital COVID certificate” visibile nella schermata iniziale della APP.

Per ottenere la Certificazione verde COVID-19 devi inserire:

  • le ultime 8 cifre del numero identificativo della tessera sanitaria
  • la data di scadenza della stessa
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
    -il tampone molecolare (CUN)
    -il tampone antigenico rapido (NRFE)
    -il certificato di guarigione (NUCG).

In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria. La Certificazione verde COVID–19 viene mostrata a video e il QR code salvato nel dispositivo mobile in modo che possa essere visualizzato e mostrato anche in modalità offline.

IO: Presto potrai acquisire la Certificazione verde COVID-19 utilizzando l’App IO, ricevendo direttamente un messaggio ogni volta che la Piattaforma nazionale rilascerà un certificato intestato a te.

Come ottenere il Green pass in versione cartacea, utilizzando i canali fisici?

In caso di difficoltà ad accedere alla Certificazione con strumenti digitali, è possibile rivolgersi al proprio medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta, o al farmacista, che potranno recuperare la Certificazione grazie al Sistema Tessera Sanitaria. Porta con te il codice fiscale e i dati della Tessera Sanitaria che dovrai mostrare loro. La Certificazione verde COVID-19 sarà consegnata in formato cartaceo o digitale.

green pass cartaceo

@dgc.gov.it

Da quando si potrà chiedere il Green pass?

Le certificazioni verdi Covid-19 associate a tutte le vaccinazioni effettuate a partire dal 27 dicembre 2020 verranno generate in automatico entro il 28 giugno. Per un periodo transitorio, fino al 30 giugno 2021, le documentazioni rilasciate dalle Asl, laboratori, medici e farmacie attestanti l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dall’infezione o l’esito negativo di un test molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore antecedenti avranno la stessa validità della certificazione dell’EU digital Covid certificate, in vigore dall’1 luglio.

Ai bambini è richiesto il Green pass?

Per quanto riguarda i minori, al momento le regole per ottenere il green pass variano da paese a paese, ma con l’entrata in vigore del green pass dell’Unione Europea a partire dal 1° luglio tali norme saranno uniformate a quelle dell’Ue. Per l’Europa, i bambini con più di 6 anni dovranno sottoporsi al tampone per ottenere la certificazione, mentre quelli sotto i 6 anni non dovranno effettuare il tampone.

Si può ricevere la certificazione se non si è in possesso della tessera sanitaria?

Sì. Non è un problema, dal sito www.dgc.gov.it è comunque possibile recuperare la propria Certificazione. È sufficiente inserire il codice (AUTHCODE) ricevuto via SMS o email insieme al numero del documento, che hai comunicato quando hai fatto il tampone o è stato emesso il certificato di guarigione.

I dati personali saranno tutelati?

Grazie all’utilizzo di un’App di verifica, che in Italia si chiama VerificaC19, il personale addetto avrà la possibilità di verificare la validità e l’autenticità delle Certificazioni. Sarà sufficiente mostrare il QR Code della Certificazione. In caso di formato cartaceo, piegando il foglio, sarà possibile tutelare le proprie informazioni personali. Il QR Code non rivela l’evento sanitario che ha generato la Certificazione verde. Le uniche informazioni personali visualizzabili dall’operatore saranno quelle necessarie per assicurarsi che l’identità della persona corrisponda con quella dell’intestatario della Certificazione. La verifica non prevede la memorizzazione di alcuna informazione riguardante il cittadino sul dispositivo del verificatore.

A chi rivolgersi per ulteriori informazioni o assistenza?

Per assistenza tecnica è possibile chiamare il Call center 800 91 24 91 (attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20) o scrivere a cittadini@dgc.gov.it. Per informazioni su aspetti sanitari si può telefonare al numero di pubblica utilità 1500 (attivo tutti i giorni 24 ore su 24).

Fonte: dgc.gov.it

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook