©Ascannio/Shutterstock

Lazio, Sardegna e altre 3 regioni non tornano in zona gialla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Circola da ore la notizia che alcune regioni da lunedì torneranno in zona gialla. Così non sarà alla luce del nuovo decreto che stabilisce i nuovi criteri per il passaggio da una fascia all’altra delle regioni, oltre al green pass obbligatorio.

Oltre a prorogare fino al 31 dicembre lo stato d’emergenza nazionale, il nuovo Decreto legge 22 luglio 2021 modifica i parametri che definiscono i livelli di rischio e consentono il cambio di “colore” alle Regioni e Province autonome. Sulla base di queste novità, è iniziata a circolare la voce che alcune regioni tra cui Lazio, Campania, Sardegna, Sicilia e  Veneto sarebbero passate alla zona gialla. Ciò avrebbe comportato un aumento delle restrizioni, che riguardano vari aspetti, dagli ingressi in bar e ristoranti a matrimoni e cerimonie.

Tuttavia, anche se l’incidenza dei contagi resta in vigore, non sarà più il criterio guida per la scelta delle colorazioni (bianca, gialla, arancione, rossa) delle Regioni e Province autonome. Dal 1° agosto i due parametri principali saranno:

  • il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19,
  • il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19.

Con una percentuale di posti occupati in rianimazione superiore al 10% e in area medica superiore al 15%, si passa in zona gialla, per passare alla zona arancione tali percentuali devono essere pari al 20% e 30% mentre se superano rispettivamente il 30% e il 40% si finisce in zona rossa.

Per passare in zona gialla, inoltre, l’incidenza settimanale dei contagi deve essere pari o superiore a 50 ogni 100mila abitanti a condizione che il tasso di occupazione dei posti letto in area medica sia superiore al 15%, e il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19 sia superiore al 10%. 

Per il momento nessuna regione italiana si trova in questa situazione.

Fonti di riferimento: Ministero della salute, Governo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook