Green pass e scuola: dal 1° settembre obbligatorio per insegnanti e personale scolastico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È iniziato il conto alla rovescia per il rientro a scuola. Quello di quest’anno sarà un ritorno decisamente diverso, all’insegna di nuove regole anti-Covid, ancora più rigide rispetto a quelle già in vigore fino allo scorso settembre. La novità più importante è quella che riguarda il Green pass, che a partire dal 1° settembre sarà obbligatorio sia tutto il personale scolastico, ovvero sia per i docenti che per il personale ATA. Come previsto dall’ultimo Decreto varato dal Governo Draghi, l’obbligo sarà esteso anche agli studenti universitari.

Leggi anche: Green pass, scatta obbligo per i trasporti: cosa cambia dal 1° settembre su autobus, treni, aerei

Le nuove regole per gli insegnanti e i collaboratori scolastici 

Dal prossimo mese tutto il personale scolastico saranno tenuti ad esibire la certificazione verde, che si ottiene in caso di vaccinazione, guarigione dal Covid e esito negativo del tampone. Chi non rispetterà la disposizione (che riguarda sia gli istituti statali sia le scuole paritarie e non paritarie e le università) non potrà entrare a scuola e l’assenza sarà considerata ingiustificata. Dopo 5 giorni di assenza, è infatti prevista la sospensione dal lavoro per gli insegnanti e i collaboratori, che non percepiranno quindi più lo stipendio. 

Leggi anche: Si torna a scuola. Il calendario Regione per Regione, le regole anti-Covid e il Green pass

Cosa cambia per gli alunni

Discorso diverso per gli alunni delle scuole, per cui non è previsto l’obbligo del Green pass. Le lezioni saranno svolte in presenza con mascherina obbligatoria (fatta eccezione per i bambini minori di 6 anni) e mantenendo il distanziamento di almeno un metro. Naturalmente, sarà vietato accedere a scuola con temperatura superiore ai 37,5°.

Leggi anche: Green pass: i bambini sotto i 12 anni non avranno l’obbligo di esibirlo

Green pass obbligatorio anche per gli studenti universitari 

Come anticipato, anche gli studenti universitari dovranno esibire il Green pass per partecipare alle lezioni in presenza in tutti gli atenei del nostro Paese. Le verifiche della validità della certificazione verde “dovranno essere svolte a campione con le modalità che ogni ateneo individuerà” spiega il Ministero dell’Università e della Ricerca.

Green pass: a chi spetta l’esenzione

Le nuove regole previste dal Decreto non si applicano a tutti i docenti, collaboratori scolastici e studenti che non possono sottoporsi alla vaccinazione per problemi di salute comprovati, ad esempio affetti da gravi allergie. In questi casi è possibile presentare il certificato di esenzione (che può essere rilasciato fino al 30 settembre dai medici impegnati nella campagna di vaccinazione nazionale fino al 30 settembre) invece del Green pass ed effettuare un tampone gratuitamente per accedere a scuola. 

Seguici su Telegram |Instagram |FacebookTikTokYoutube

Fonte: Governo/Miur

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook