Green pass, obbligo di certificazione anche per i genitori che entrano a scuola. Tutte le novità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Com’era ormai prevedibile, è arrivata l’ufficialità sull’estensione dell’obbligo del Green pass in altri luoghi. Il nuovo decreto approvato ieri in Consiglio dei Ministri rende rende necessario esibire la certificazione verde (che si ottiene in caso di tampone con esito negativo, guarigione dal Covid e avvenuta vaccinazione) anche ai dipendenti esterni di scuole, università e centri di formazione. Inoltre, a partire dal 10 ottobre scatterà anche l’obbligo di vaccinazione per tutti i lavoratori, anche esterni, delle Rsa. 

Vediamo nel dettaglio tutte le nuove regole che saranno in vigore fino al 31 dicembre prossimo, data in cui dovrebbe cessare lo stato di emergenza.

Leggi anche: Green pass e scuola: dal 1° settembre obbligatorio per insegnanti e personale scolastico

Scuola e centri di formazione: chi è obbligato ad esibire il Green pass

Le regole del nuovo decreto non si applicano soltanto al mondo della scuola, ma anche ai “centri per l’istruzione degli adulti, i servizi educativi per l’infanzia, i sistemi regionali di istruzione e Formazione Tecnica Superiore e degli Istituti Tecnico Superiori e il sistema della formazione superiore”.

Chi dovrà esibire il Green pass? Non soltanto i docenti e il personale ATA (come già previsto dal precedente decreto), ma chiunque – genitori compresi – accede a tutte le strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative.

Tra questi sono compresi anche i genitori degli alunni degli istituti scolastici e di formazione.

Questa disposizione non si applica ai bambini, agli alunni e agli studenti nonché ai frequentanti i sistemi regionali di formazione, – specifica il Governo – ad eccezione di coloro che prendono parte ai percorsi formativi degli Istituti tecnici superiori.

Leggi anche: Si torna a scuola. Il calendario Regione per Regione, le regole anti-Covid e il Green pass

Chi è tenuto a controllare la certificazione

Il dirigente scolastico e i responsabili di tutte le istituzioni scolastiche, educative e formative avranno il compito di controllare il possesso del Green pass. Nel caso in cui l’accesso alle strutture sia motivato da ragioni di servizio o di lavoro, la verifica sul rispetto delle prescrizioni deve essere effettuata anche dai rispettivi datori di lavoro.

Leggi anche: Green pass: i bambini sotto i 12 anni non avranno l’obbligo di esibirlo

Università: a chi si estende l’obbligo del Green pass

Anche nel caso dell’università, il Green pass sarà previsto non soltanto per docenti, collaboratori  ATA e gli studenti ma a chiunque alle strutture accede alle strutture universitarie.

Chi è tenuto a controllare la certificazione

Nei vari atenei saranno tenuti a verificare il possesso del Green pass i responsabili delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica. I controlli saranno svolti  a campione con le modalità individuate dalle università. Nel caso in cui l’accesso alle strutture sia motivato da ragioni di servizio o di lavoro, la verifica sul rispetto delle prescrizioni deve essere effettuata anche dai rispettivi datori di lavoro.

Obbligo di vaccinazione per i lavoratori (anche esterni) delle Rsa

Dal 10 ottobre per accedere alle strutture socio-assistenziali e sociosanitarie sarà necessario essere vaccinati. Nello specifico, le nuove norme si applicano a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa nelle Rsa.

Chi è tenuto a controllare la certificazione

Sono tenuti ad assicurare il rispetto dell’obbligo vaccinale i responsabili delle strutture e i datori di lavori dei soggetti che a qualunque titolo svolgono attività lavorativa sulla base di contratti esterni. Le modalità di verifica dell’adempimento dell’obbligo saranno definite prossimamente con nuovo decreto. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Governo 

Leggi tutti i nostri articoli sul Green pass:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook