Addio Aruká, il Covid19 stronca l’ultimo maschio indigeno della tribù amazzonica Juma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’ultimo esponente del popolo indigeno Juma, il guerriero Aruká Juma è morto per covid. Ora le sue tre figlie sono le uniche sopravvissute della tribù

Aveva circa 90 anni ed era l’ultimo guerriero maschio del popolo Juma del Brasile,  un vero e proprio ricordo vivente di conoscenze ancestrali che mercoledì scorso si è spento in un ospedale di Porto Velho, città a 120 chilometri di strada e a due ore di barca dal suo villaggio, dove ora rimangono solo le tre figlie, uniche sopravvissute di un gruppo etnico che, appena tre secoli fa, contava migliaia di membri.

Insieme ad altri sei Juma, Aruká era sopravvissuto da giovane  al massacro per sterminare i suoi simili commissionato dai mercanti della gomma e delle castagne per appropriarsi delle terre ancestrali, ma niente ha potuto contro l’insufficienza respiratoria acuta dovuta alle complicanze da Covid-19 che sta letteralmente falcidiando le popolazioni indigene del Brasile. Stando alle ultime stime di Coiab, la pandemia del nuovo coronavirus avrebbe già raggiunto 34.529 indigeni dell’amazzonia brasiliana, uccidendone più di 250 persone di 38 etnie diverse nella sola Amazzonia:

“Coiab e Apib hanno avvertito che le popolazioni indigene recentemente contattate erano a rischio estremo. L’ultimo uomo sopravvissuto del popolo Juma è morto. Ancora una volta, il Governo brasiliano si è dimostrato criminalmente silenzioso e incompetente. Il Governo ha assassinato Aruká “, hanno lamentato, in una dura nota ( che potete leggere in fondo a questo articolo ), il coordinamento delle organizzazioni indigene dell’Amazzonia brasiliana (Coiab), l’articolazione dei popoli indigeni del Brasile (Apib) e Osservatorio dei diritti umani delle popolazioni indigene isolate e di recente contatto (Opi).

La sua tribù era stata contattata a metà del XX secolo e subito tacciata dai cronisti come cannibale, perversa e feroce, ma erano, come sempre, gli interessi economici a distogliere la realtà. In quel massacro a cui Aruká era sopravvissuto, gli indigeni Juma vennero braccati e in 60 morirono.

La sua morte di questo grande guerriero, offre oggi un motivo per volgere lo sguardo ancora una volta alla storia di questi popoli decimati dalla colonizzazione portoghese e oggi dall’indifferenza del Governo, pur essendo essenziali per la conservazione dell’Amazzonia.

Aruká era stato trasferito in un ospedale a gennaio e sottoposto a quello che il Ministero della Salute brasiliajmo chiama trattamento precoce: farmaci come la clorochina, la cui efficacia non è mai stata scientificamente provate, né avallata dall’OMS. Prima di essere intubato in ospedale Aruká avrebbe fatto una richiesta alla figlia: quella di essere sepolto nel villaggio dove aveva costruito la prima maloca, dove era stata sepolta sua madre.

Alla sepoltura del guerriere Aruká  avvenuta mercoledì notte hanno partecipato diversi leader delle altre popolazioni indigene.

La sua morte “è una perdita devastante. La storia della sua vita è stata e continua ad essere un simbolo della tremenda lotta che il popolo Juma ha intrapreso “, ha detto Edson Carvalho, dell’ONG Kanindé che ha voluto rendere omaggio al guerriero caduto con una poesia:

Aruká
Guerreiro ha
vinto massacri
Razzismo
Distruzione dell’Amazzonia Ha
insegnato che l’angolo della foresta
è come le acque che scendono dal fiume
Che ha deciso di risalire
e incontrare gli Incantati.

“Nostro padre ha lottato molto, era un guerriero, e la sua battaglia noi continueremo” hanno dichiarato le figlie Borehá, Maitá e Mandeí , le uniche guerriere di un popolo ormai estinto. La figlia maggiore ha detto che d’ora in poi intende seguire le orme di suo padre:

Adesso voglio diventare come lui  per combattere come mio padre. Mio padre era un guerriero. Lui era il capo,  io ora sono il capo, ma ora il lignaggio è finito ”

 

Fonte: Amazonia Real

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile e Co-Founder di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa di diversi settori. Appassionata di tecnologia e ambienta, ha tenuto corsi di scrittura per il web dedicati a giornalisti e studenti.
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook