©Corona Borealis Studio/Shutterstock

Dal plasma iperimmune sviluppato super anticorpo monoclonale efficace contro tutte le varianti di Covid-19

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Diffuso uno studio tutto europeo che ha portato allo sviluppo di un super-anticorpo monoclonale che preverrebbe i casi di Coronavirus e aiuterebbe nella cura della malattia. Partecipazione anche dell’Italia con il Policlinico San Matteo di Pavia.

La rivista Nature ha pubblicato in questi giorni i risultati sorprendenti di uno studio condotto sugli anticorpi monoclonali, che potrebbe rappresentare una svolta nella prevenzione e nel trattamento del Covid-19. Il team di ricerca, finanziato dalla Commissione Europea, ha coinvolto università e istituti di diversi paesi – l’Italia ha partecipato con il Policlinico San Matteo di Pavia che ha curato, in particolare, la fase del primo approccio dell’immunoterapia con plasma iperimmune. In laboratorio è stato creato artificialmente un super-anticorpo monoclonale in grado di riconoscere contemporaneamente due diversi antigeni del virus (per questo motivo è definito bispecifico) e per questo efficace anche con molte varianti.

In pratica, avrebbero  unito due anticorpi naturali in una singola molecola artificiale che nei test preclinici effettuati è risultata efficace per protegge anche dalle varianti di Sars-CoV-2, inclusa quella inglese.

(Leggi: Un anno dopo, ecco cosa sappiamo della vitamina D per prevenire il covid-19)

L’annuncio della scoperta è stato fatto dal commissario europeo Mariya Gabriel, che ha espresso grande soddisfazione:

Grazie al lavoro dei ricercatori finanziati dall’UE, questa nuova scoperta potrebbe prevenire e trattare i casi di Covid-19, salvando delle vite”.

anticorpi monoclonali

@Nature.com

Per ora però sono stati effettuati solo test preclinici sull’efficacia del super-anticorpo. Gli ottimi risultati, tuttavia, lo rendono un candidato ideale per la sperimentazione clinica e si spera che presto possa estrare a far parte delle cure per i pazienti malati di Covid.

anticorpi monoclonali

@Nature.com

Fausto Baldanti, responsabile del laboratorio di Virologia molecolare del San Matteo di Pavia, ha spiegato così le fasi di sviluppo del progetto: “L’anticorpo è stato sviluppato nell’ambito dell’attività del progetto di ricerca ATAC (Antibody Therapy AgainstCoronavirus), finanziato dall’European Research Council (ERC). Il primo obiettivo del progetto riguardava la immunoterapia con plasma iperimmune, sviluppato principalmente a Pavia. Il secondo approccio, immunoterapia con gamma-globuline, sviluppato dal Karolinka Institutet di Stoccolma. La terza fase, ossia immunoterapia mediante anticorpi monoclonali, è stata sviluppata dalla Technische Universität Braunschweig, e dall’IRB di Bellinzona. Fase che ha avuto successo nel generare anticorpi monoclonali umani altamente reattivi. Le caratteristiche biologiche e l’efficacia degli anticorpi monoclonali così prodotti sono state definite dal nostro gruppo di ricerca al San Matteo”.

Per maggiori info sul progetto ATAC

Fonte: Nature

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook