@greenMe

Dal 14 giugno altre 5 Regioni e una Provincia autonoma in zona bianca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Italia si tinge sempre più di bianco. Dal prossimo lunedì anche Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e la Provincia autonoma di Trento entreranno nelle zona senza restrizioni, raggiungendo così Abruzzo, Liguria, Umbria, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Mentre il resto dell’Italia resterà in giallo, almeno per un’altra settimana. Nelle prossime ore il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà la nuova ordinanza che farà scattare il cambio di colore il 14 giugno.

È un’ordinanza che ritengo importante perché porta in zona bianca una parte molto larga del nostro Paese, circa il 50% dei nostri concittadini” – ha commentato Speranza, nel corso della conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio settimanale della pandemia di Covid-19 – È un segnale importante e incoraggiante che segnala come siamo sulla strada giusta, pur continuando io ad avere parole di prudenza

Leggi anche: Feste private e banchetti: le regole da seguire in zona bianca

Regioni e Province in zona bianca dal 14 giugno

Ricapitolando queste sono i territori italiani che saranno in zona bianca da lunedì 14 giugno:

  • Molise
  • Friuli-Venezia Giulia
  • Sardegna
  • Abruzzo
  • Umbria
  • Liguria
  • Veneto
  • Lombardia
  • Piemonte
  • Emilia-Romagna
  • Lazio 
  • Puglia 
  • Provincia autonoma di Trento

Passaggio in zona bianca anche per le altre Regioni entro fine giugno

In base agli ultimi dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, ci sarebbero ottime speranze di lasciare la zona gialla anche per altre Regioni in cui si è registrata un’incidenza dei contagi sotto la soglia critica. Si tratta di: Toscana,  Marche, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia e della Provincia autonoma di Bolzano, che dovrebbero passare in zona bianca già il 21 giugno. Invece, i numeri della Valle d’Aosta sono meno confortanti e potrebbe essere l’ultima Regione a lasciare la zona gialla il 28 giugno. Ma proprio qualche giorno fa il presidente della Valle d’Aosta Erik Lavevaz si è rivolto al Premier Draghi e al ministro Roberto Speranza, chiedendo di anticipare il passaggio in zona bianca già dal 21 giugno. 

La richiesta si basa su due elementi principali: il primo è la disparità che si verrebbe a creare con i territori vicini nel momento della ripartenza turistica; – ha chiarito Lavevaz – il secondo è la considerazione del valore della popolazione fluttuante, con il flusso di turisti e di residenti temporanei che rende molto meno significativo il valore dell’incidenza

 
Fonte: ISS
 

Leggi anche:

 
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Incendi Sardegna 2021

Le immagini, le storie e i numeri degli incendi che stanno devastando l’isola mettono i brividi

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook