Poca frutta e verdura e troppi grassi? Il rischio è di ammalarsi di cancro

immagine

Si è concluso oggi a Milano il convegno Spazio e Nutrizione, che ha visto la partecipazione di numerosi esperti provenienti da ogni parte d’Italia. Ciò che è emerso da questo incontro non è del tutto una novità, ma piuttosto qualcosa sospettato da tempo: consumare poca frutta e verdura e troppi grassi può portare ad ammalarsi di cancro. Più del 30% dei tumori – affermano gli esperti – è causato da una dieta squilibrata, che vede un consumo di vegetali davvero ridotto al minimo.

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) un consumo adeguato di frutta e verdura si aggira intorno ai 500 g giornalieri, ma si stima che il consumatore medio italiano sia ben al di sotto di questa quantità. Coldiretti afferma che “in Italia solo il 18,4% della popolazione consuma quotidianamente almeno quattro porzioni tra frutta, verdura e legumi freschi che garantiscono l’assunzione di elementi fondamentali della dieta come vitamine, minerali e fibre che svolgono una azione protettiva, prevalentemente di tipo antiossidante.”

Ma le notizie degli ultimi tempi fanno ben sperare: l’Italia sta vivendo una sorta di rivoluzione a tavola, con un minor consumo di carne accanto ad un acquisto sempre più consistente di frutta e verdura. E questo non può che essere un bene, visto ciò che è emerso dal convegno tenutosi a Milano: i tumori sono influenzati da quello che mangiamo e lo sono soprattutto quelli del colon-retto, della mammella, del pancreas, del fegato e dell’esofago.

LEGGI ANCHE: Sempre mano carne sulle tavole degli italiani, per Coldiretti si tratta di “moda vegana”

Michele Carruba, direttore del Centro Studi e Ricerche sull’Obesità dell’Università di Milano, spiega che “anche troppi grassi nuocciono gravemente alla salute e aumentano il rischio di tumore proprio come le sigarette. Il nostro Paese è una delle patrie della dieta mediterranea eppure abbiamo il primato europeo di sovrappeso infantile. Il 12% dei bambini italiani è addirittura obeso. Se vogliamo invertire questa tendenza dobbiamo promuovere maggiormente la cultura della giusta alimentazione tra tutta la popolazione”.

Come fare, dunque, per consumare la giusta quantità di frutta e verdura ogni giorno? Sicuramente vegetariani e vegani sono avvantaggiati in questo, ma chiunque può essere certo di raggiungere le quantità minime raccomandate affidandosi alla nota “regola delle (almeno) 5 porzioni giornaliere”, di cui 3 dovrebbero essere costituite da frutta e 2 da verdura. Per porzione si intende, generalmente, un frutto grosso intero o due piccoli e 150/200 g di verdura cotta o cruda.

E dal momento che recenti studi hanno dimostrato anche che l’insorgenza del tumore allo stomaco è correlata al consumo di carne, si potrebbe seriamente prendere in considerazione l’idea di passare ad una dieta vegetariana o, meglio ancora, vegana. Per gli animali, per la salute, per l’ambiente.

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

corsi pagamento

seguici su facebook