Le cucine plastic free che durano una vita

Vini adulterati con zucchero e anidride carbonica e spacciati per Doc e Igp, maxi sequestro tra Pavia e Cremona 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sulle etichette dei vini riportavano le diciture Doc e Igp, ma non lo erano affatto. Anzi, venivano miscelate diversi tipi di uva rispetto a quelle dichiarate e impiegati zucchero invertito e anidride carbonica, sostanze vietate dalle norme di settore o il mosto concentrato rettificato. Tutto questo avveniva in una cantina vinicola dell’Oltrepò Pavese (la Cantina Sociale di Canneto Pavese), con la complicità di un mediatore del settore vinicolo, enologi e titolari di aziende agricole.

A scoperchiare il vaso di Pandora la Guardia di Finanza e i Carabinieri di Pavia che hanno eseguito il sequestro preventivo di immobili e risorse finanziarie per un totale di 740mila tra Pavia e Cremona.

Tre i soggetti indagati a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata alla frode e alla contraffazione. In realtà l’operazione è il proseguimento di un’indagine denominata “Dioniso” che all’inizio del 2020 aveva portato a cinque arresti e circa 30 perquisizioni a domicilio. L’indagine aveva accertato che i titolari di una cantina di Pavia mettevano in commercio falsi vini Doc e Igp, in realtà contraffatti per quantità, qualità e origine. I nuovi accertamenti hanno finalmente permesso di quantificare quale fosse il profitto legato alla frode. 

Seguici su TelegramInstagramFacebookTikTokYoutube

Fonte: Guardia di Finanza

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook