@stokkete/123rf

Spesa: quali sono le città italiane e i supermercati in cui si risparmia di più. L’indagine di Altroconsumo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando si fa la spesa, c’è chi preferisce puntare sulla convenienza (che non per forza è sinonimo di scarsa qualità), soprattutto in tempi di crisi. Ma quali sono i supermercati più convenienti d’Italia? A rivelarlo è la inchiesta annuale realizzata dall’associazione Altroconsumo, che ha analizzato i prezzi di 125 categorie di prodotti alimentari, per la cura della casa e della persona e di pet food in 1.148 punti vendita, dislocati in 70 città italiane. Scopriamo la mappa della spesa conveniente in Italia!

Le città in cui si risparmia di più

Dall’indagine è emerso che la città in cui conviene maggiormente fare la spesa è Rovigo, in Veneto. Qui si trova infatti il supermercato più conveniente d’Italia (il Super Rossetto, seguito dall’Emisfero di Vicenza) e si possono risparmiare addirittura fino a 1.720 € all’anno. In seconda e in terza posizione troviamo l’Emilia-Romagna: a Reggio Emilia e Modena si può arrivare ad un risparmio annuale fino a 1.523 euro, a Ravenna e a Brescia fino a 1.400 euro. Anche quest’anno il Triveneto si conferma fra le zone del nostro Paese in cui si trovano i supermercati più vantaggiosi, con ben 20 punti vendita nelle prime 30 posizioni in classifica.

Netto il divario con molte città del Centro e del Sud, dove scegliendo il supermercato più economico il risparmio è pari al 2% (contro il 20% di Rovigo).

Sono cifre che stridono con i 100 euro circa di risparmio possibile (solo il 2%) nelle città dove non c’è concorrenza tra i supermercati visitati, tutte al Centro-Sud: Potenza, Pesaro, Pistoia, Sassari, Reggio Calabria, Foggia. – evidenzia l’indagine di Altroconsumo – In questi centri, anche cambiando supermercato, i prezzi restano sempre allo stesso livello e comunque piuttosto cari.

Le catene di supermercati più convenienti 

Per quanto riguarda i discount, la catena Eurospin si è aggiudicata la prima posizione nella classifica di Altroconsumo, mentre nella categoria supermercati e ipermercati la catena Famila è risultata più conveniente.

I discount dominano le prime otto posizioni della spesa economica. Al primo posto, per il terzo anno consecutivo, troviamo Aldi. Invece, per quanto riguarda i prodotti di marca, si aggiudicano il podio Famila Supertore, Spazio Conad (ipermercato) e Carrefour (ipermercato). Infine, nella categoria “private label”, la catena più conveniente è risultata Conad. 

I supermercati più costosi 

Invece, i supermercati con i prezzi più cari d’Italia sono:

  • due punti vendita Sigma (di Bologna e Ravenna)
  • tre supermercati Elite e Doc (di Roma)
  • un punto vendita Unes di Pavia (in cui si registra una differenza di prezzo del 33% rispetto al più conveniente in Italia)

Stesso prodotto, prezzi diversi in base al punto vendita

Altroconsumo ha anche segnalato rilevanti di prezzo per alcuni prodotti con differenze del 200% fra un punto vendita e l’altro. Fra i prodotti che registrano i differenziali più significativi (200%) troviamo lo Shampoo Garnier Fructis Hydra Liss, il cui prezzo minimo è stato 1,18 euro all’Esselunga Superstore di Casalecchio di Reno e la Coop di Modena, contro i 3,53 euro di uno dei punti vendita Superconti di Roma. Analogo discorso per lo Stracchino Granarolo che al Conad (di Parma, Milano, Reggio Emilia, Brescia e Cremona) aveva un costo di 0,84 euro, mentre alla Coop (Catanzaro) arrivava a 2,51 euro. Anche il Dixan Liquido Classico è fra i prodotti che hanno registrato un divario di prezzo i prezzo tra i negozi, con un minimo di 2,49 euro all’Aliper (Rovigo) e all’Alì (Padova, Treviso e Trento) e un massimo di 7,44 euro all’Esselunga Superstore (Brescia).

Come sono cambiati i prezzi al supermercato con lo scoppio della pandemia 

Altroconsumo ha anche voluto isolare otto tipologie di prodotto – farina, passata di pomodoro, Emmenthal, pasta, spinaci surgelati, crema mani, detersivi per pavimenti, saponetta – per confrontare il prezzo medio del 2021 con quello del 2019 in modo da vedere gli effetti della pandemia sull’andamento dei costi. Il risultato è che sei prodotti su otto hanno avuto una maggiorazione di prezzo. Tra questi spiccano due generi alimentari molto comuni, entrambi poco reperibili nei mesi di pandemia: la farina, il cui prezzo è a + 27% rispetto a due anni fa, e la passata di pomodoro a +22%.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Altroconsumo

Leggi anche: 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook