@ammentorp/123rf

Sospeso il programma Cashback dal 30 giugno e potrebbe essere un addio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’era del Cashback finisce qui, almeno per il momento. Lo stop all’iniziativa è prevista domani 30 giugno, come deciso ieri nel corso della Cabina di Regia a Palazzo Chigi. Per quest’anno pare proprio che non ci sarà un secondo semestre per il programma introdotto dal Governo Conte incentivare i consumi e promuovere sistemi di pagamento tracciabili.

L’operazione Cashback prevede il rimborso del 10% delle spese effettuate sia con bancomat che carta di credito con un tetto pari a 150 euro a semestre e 50 pagamenti effettuati, oltre al super premio da 1.500 euro per i maggiori utilizzatori. Nel primo semestre sono stati oltre sei milioni gli italiani che hanno aderito al programma. Nel corso dei sei mesi di stop all’operazione il Governo Draghi dovrebbe valutare se riproporre la misura o accantonarla definitivamente.

Dietro la decisione del governo sembrano esserci i costi decisamente elevati legati all’operazione (circa 7 miliardi di euro per il 2021), ma abbia influito anche la scoperta dei cosiddetti “furbetti del Cashback”, ovvero persone che hanno aggirato il sistema spezzettando un pagamento in molteplici micro-pagamenti. 

I rimborsi dal 1° luglio

Intanto, per chi ha aderito all’operazione Cashback dal 1° luglio scatteranno i rimborsi delle spese sostenute con sistemi di pagamento elettronici. Sono due le tipologie di rimborso che sarà possibile ottenere e che saranno completati entro agosto: il primo è il Cashback da 150, ovvero il 10% di quanto speso nelle 50 transazioni del periodo, fino ad un massimo di 1.500 euro; il secondo è Supercashback che spetta ai primi 100mila cittadini che hanno totalizzato il maggior numero di transazioni. In questo caso, il bonus sarà pari a 1.500 euro, in aggiunta ai 150€.

Per saperne di più: Cashback, al via i rimborsi dal 1° luglio: come ottenere fino a 1650 euro

Fonte: Ansa/Adnkronos

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook