@Marco Ramerini/123rf

Deodoranti roll on senza alluminio: funzionano davvero? Le marche migliori e peggiori, secondo il test tedesco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando dobbiamo acquistare un deodorante ci troviamo di fronte ad un’ampia scelta e potrebbero sorgere alcune domande: è importante che sia senza alluminio? sarà davvero efficace e a lungo come promesso sulla confezione? Per cercare di fare chiarezza Öko-Test ha messo a confronto 52 prodotti.

Negli ultimi anni si è discusso tanto dei potenziali rischi dell’alluminio contenuto nei deodoranti, sostanza che nella formulazione di questi prodotti ha un effetto anti-traspirante. Si è parlato in particolare di un possibile rischio maggiore di tumore al seno ma su questo punto l’Airc scrive:

gli studi epidemiologici non hanno mostrato relazioni significative tra l’uso del deodorante e la comparsa della malattia e quelli effettuati sull’alluminio non hanno rilevato una relazione tra il suo effetto sui recettori degli estrogeni e il tumore mammario.

Leggi anche: Usare deodoranti con alluminio e parabeni aumenta il rischio di cancro al seno?

L’alluminio però è comunque un metallo neurotossico e, nonostante le rassicurazioni, tantissimi consumatori ormai sono passati ad acquistare esclusivamente deodoranti a “0% alluminio” o “senza sali di alluminio”, ed è per questo che sempre più spesso si trovano prodotti dove in bella vista sono presenti queste diciture.

Ma i deodoranti senza alluminio funzionano lo stesso? Quali alternative utilizzano i produttori? Per scoprirlo, Öko-Test ha esaminato un totale di 52 roll-on privi di alluminio.  

Le alternative all’alluminio nei deodoranti

Innanzitutto, gli esperti della rivista tedesca spiegano come funzionano i deodoranti senza alluminio. In pratica, invece di rallentare il flusso del sudore grazie ad un anti-traspirante, gli impediscono di emettere cattivo odore sulla pelle, combattendo i batteri che ne sono responsabili e utilizzando anche un buon profumo a coprire.

La maggior parte dei deodoranti nel test, al posto dell’alluminio, contengo alcol come inibitore batterico. Questa sostanza ha infatti un buon effetto antimicrobico. Le altre alternative sono il Trietilcitrato, l’Etilesilglicerina e l’Octenidina dicloridrato, che si trovano in molti deodoranti, spesso in combinazione, con o senza alcool.

Altre sostanze meno utilizzate, invece, hanno un effetto seccante e contrastano il clima caldo e umido che i batteri amano tanto. Questi includono, ad esempio, sali di zinco e caolino (argilla bianca cinese).

I deodoranti senza alluminio durano davvero 24 o 48 ore?

La maggior parte dei prodotti sono pubblicizzati con slogan che parlano di un durata di “24 h” o “48 h”. Ma per capire se sono davvero efficaci per tutto questo tempo, gli esperti tedeschi hanno chiesto ai produttori di presentare studi effettuati da istituti indipendenti per dimostrarlo.

Ebbene, più della metà dei produttori che hanno presentato i test, sono stati in grado di confermare le promesse fatte ai consumatori.

C’è da considerare però che la durata effettiva di un deodorante è un fatto molto personale e dipende da tanti fattori. Ognuno ha un proprio sviluppo del sudore e per questo reagisce in modo diverso ai deodoranti.

I risultati

La prima buona notizia che emerge dal test, dunque, è che anche un deodorante senza alluminio può funzionare bene, grazie alle alternative all’antitraspirante che già esistono e vengono utilizzate da tempo.

Il test consiglia ben 25 roll-on su 52, prodotti che hanno ottenuto il punteggio massimo.

Come sempre, però, sono state individuate anche una serie sostanze problematiche in alcuni deodoranti e per questo 11 prodotti sono stati “bocciati” dal test.

Nello specifico le sostanze segnalate sono:

  • Lilial, dichiarato Butylphenyl Methylpropional: la fragranza sintetica che odora di mughetto ha dimostrato di essere dannosa per la riproduzione
  • Cashmeran: fragranza simile al muschio che si accumula nel tessuto adiposo
  • Idrossicitronellale: fragranza che può causare allergie
  • Isoeugenol: potente allergene
  • Formaldeide/liberatori: può causare irritazioni alla pelle 
  • Composti PEG: possono rendere la pelle più permeabile alle sostanze estranee

I deodoranti migliori e peggiori

Ma passiamo alla vera e propria classifica.

Tra i deodoranti migliori troviamo:

  • Benecos Deo Roll-On Aloe Vera
  • Cien Nature Bio-Citrus Deo Roll-On (Lidl)
  • Dove Powered By Plants Deodorant Ginger
  • Dr. Hauschka Deolatte rosa
  • Lavera Men Sensitiv
  • Cien Pure Freshness 48h (Lidl)
  • Weleda limone 24h
  • Weleda for men 24h 

deodoranti migliori test

@Okotest

deodoranti migliori 2 okotest

@Okotest

deodoranti migliori 3 okotest

@Okotest

deodoranti migliori 4 okotest

@Okotest

deodoranti migliori 5

@Okotest

In fondo alla classifica invece ci sono:

  • Dove 0% Sali di alluminio
  • Vichy Mineral Deodorant 48H
  • Rexona Flower Fresh 48h
deodoranti peggiori okotest

@Okotest

Giudicati “inadeguati” anche:

  • Dove Men+Care Clean Fresh 48h
  • Eucerin Deodorant 48h 0% Aluminium
  • Nivea Deo Roll-on Original Care
  • Nivea Men Deo Roll-on Fresh Ocean
  • Rexona Men Active Fresh
deodoranti inadeguati okotest

@Okotest

 

deodoranti sufficienti okotest

@Okotest

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook