Attenzione a cosa bevi, cosa c’è davvero nei succhi di frutta (e come sceglierli)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I succhi di frutta sono molto amati e utilizzati soprattutto dai bambini ma non sempre è possibile prepararli in casa a partire da frutta fresca. Spesso, quindi, ci affidiamo a prodotti industriali e la scelta al supermercato è molto ampia. Come possiamo scegliere i succhi di frutta migliori?

Come sempre la risposta ai nostri dubbi la troviamo in etichetta che anche nel caso dei succhi di frutta va letta con molta attenzione. Ci interessa vedere diversi aspetti della bevanda, alcuni li troviamo nella lista degli ingredienti, altri nella tabella nutrizionale.

Percentuale di frutta

La prima cosa da valutare, indipendentemente dal gusto di succo che intendiamo acquistare, è la percentuale di frutta utilizzata per realizzarlo. Esistono ormai da tempo succhi composti al 100% da frutta o da una percentuale comunque alta (70-80% a seconda della varietà ) ma nella maggior parte dei casi il quantitativo di frutta utilizzata è decisamente più basso.

Naturalmente, più frutta è presente nella bevanda e meglio è. Considerate che spesso i succhi di frutta sono addizionati non solo con acqua ma anche con zucchero ed altri ingredienti.

Ricordate sempre che gli ingredienti che compaiono per primi nell’elenco sono quelli di cui vi è il quantitativo maggiore all’interno della bevanda. Attenzione anche che non vi sia presenza di additivi, coloranti o altri ingredienti non indispensabili al succo.

Scegliere il prodotto con la lista di ingredienti più corta è, quasi sempre, l’opzione migliore.

Il fatto che il succo sia 100% frutta non esclude comunque che possa essere particolarmente carico di zuccheri, come ha dimostrato anche una ricerca che ha messo a confronto succhi di frutta al 100% e bevande gassate. 

Zuccheri

Spesso i succhi di frutta contengono alti livelli di zuccheri e non si tratta solo di quelli naturalmente presenti nella frutta ma di zucchero o altri dolcificanti che vengono aggiunti alla bevanda per renderla più dolce.

Controllate dunque la tabella nutrizionale, andando a cercare il totale di zuccheri contenuti dal succo (di solito espressi per 100 ml di prodotto ma considerate che se ne beve di più) e assicuratevi che zucchero, sciroppo di glucosio, fruttosio (o altri dolcificanti) non siano presenti nella lista degli ingredienti.

I succhi in commercio contengono generalmente in media un quantitativo di zucchero di 13-14 grammi per 100 ml ma ne esistono alcuni meno “dolci”.

Pesticidi

Purtroppo, proprio come la frutta fresca, anche i succhi possono contenere tracce di pesticidi come ha dimostrato ad esempio un  test effettuato sui succhi di pera che ha mostrato come alcune marche contenessero captano (interferente endocrino e probabile cancerogeno), boscalid e dodina, anche se in quantità sotto i limiti di legge.

Per evitare il rischio, il consiglio è quello di acquistare succhi di frutta da agricoltura biologica.

Considerate infine il discorso pastorizzazione: i succhi di frutta confezionati, per legge, devono essere sottoposti a questo processo che li rende più sicuri ma gli fa anche perdere parte delle preziose vitamine contenute nella frutta fresca. La cosa migliore, dunque, per assumere tutti i nutrienti, rimane quella di preparare i succhi in casa.

Il parere della nutrizionista sui succhi di frutta

Abbiamo chiesto a Irene Tornisello, nutrizionista, di darci qualche consiglio utile per scegliere al meglio un succo di frutta. Ecco cosa ci ha detto:

“Premetto che sarebbe sempre consigliabile mangiare frutta fresca e privilegiare i succhi fatti in casa, per il loro potere antiossidante e perché più ricchi di sali minerali, sostanze che vengono perse invece con la lavorazione industriale. Se comunque vogliamo acquistare un succo di frutta meglio scegliere quelli realizzati con il 100% di frutta (basta leggere l’etichetta e acquistare solo i prodotti in cui compare un unico ingrediente). Importante poi che non vi siano aggiunti zuccheri ne edulcoranti o coloranti. Ricordiamoci infine di prediligere i prodotti da agricoltura biologica”.

Altri consigli utili li potete trovare nel seguente video:

Per approfondire leggi anche:

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook