@ tanyar30/123rf

Rimuovere le macchie dal bucato, quali smacchiatori o rimedi naturali funzionano davvero? Pochi secondo questo test

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Spesso capita di trovarsi alle prese con macchie difficili da rimuovere come quelle di vino, cioccolato, erba, sangue, ecc. Non è raro dunque ricorrere ad uno smacchiatore per rimuoverle. Ma questi prodotti sono davvero efficaci? Secondo un nuovo test, le promesse fatte da pubblicità e descrizioni dei prodotti vengono mantenute solo raramente.

Come dimostra un test condotto da Stiftung Warentest, organizzazione e fondazione tedesca per i consumatori, gli smacchiatori solo in rari casi funzionano efficacemente.

I prodotti per smacchiare possono essere in diversi formati: polveri, spray, gel, penne a ultrasuoni e altro, ma in ogni caso sembrano generalmente non funzionare, almeno secondo quando evidenziato da questo test.

Per l’indagine, i tester hanno trattato con i diversi prodotti 41 tipi di macchie, tra cui sangue, erba, marmellata, trucco, rossetto e olio per motori, per un totale di 4.100 macchie su tessuti di cotone e poliestere.

I saponi e gli spray sono agenti di pretrattamento e quindi sono stati applicati direttamente sulla macchia prima del lavaggio, la polvere e il gel invece sono stati usati in lavatrice insieme a un detersivo liquido per capi colorati. Dopo il lavaggio, quattro esperti hanno esaminato e valutato ogni macchia.

Dei 23 prodotti testati, la maggior parte dei quali tipici del mercato tedesco, solo 2 sono risultati davvero efficaci. Si trattava dello spray antimacchia dm Denkmit da usare prima del lavaggio e lo smacchiatore Sil 1 da usare in lavatrice.  

Nella media invece è risultato uno smacchiatore molto popolare anche in Italia, lo spray Vanish Oxi Action mentre meno soddisfacente è Vanish Oxi Action in polvere così come Ace.

Tra i peggiori lo smacchiatore Dr. Beckmann.

test smacchiatori infografica

test smacchiatori 2 inforgrafica

@Stiftung Warentest

Sono state testate anche le penne ad ultrasuoni, destinate al trattamento di piccole macchie di sporco sugli indumenti. Perché la tecnologia funzioni, il punto macchiato deve essere bagnato e la penna viene spostata lentamente sulla macchia, generando onde ultrasoniche. Queste fanno vibrare l’acqua, il che crea minuscole bolle che si gonfiano fino a scoppiare. Di conseguenza, le particelle di sporco si staccano dalle fibre. O almeno così dovrebbe essere.

Le tre penne a ultrasuoni testate (penna smacchiatore a ultrasuoni Cleanmaxx, pulitore a ultrasuoni Sharp UW-A 100E-S, penna smacchiatore AEG Expert Touch) non hanno funzionato bene e hanno rimosso le macchie in modo insoddisfacente (in alcuni casi addirittura hanno peggiorato la situazione). Tutti e 3 i dispositivi hanno rimosso correttamente solo una delle 41 macchie, quella di sugo.  

penne smacchiatori test

@Stiftung Warentest

Bicarbonato di sodio, sapone liquido per le mani, sale e limone contro le macchie

Sono stati testati anche alcuni rimedi naturali, nello specifico bicarbonato, sapone liquido per le mani, sale e limone ma solo uno si è rivelato efficace.

Si tratta del sapone liquido per le mani che se si usa pretrattando le macchie è in grado di eliminare quasi completamente quelle di vino rosso fresco e di erba. Per altri tipi di macchie è meno potente ma ha rivelato di essere sempre una scelta migliore rispetto al solo lavaggio con detersivo.  

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Stiftung Warentest 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook