@jgaunion/123rf

Pomodori: siamo invasi dai derivati e semilavorati cinesi. A rischio il Made in Italy

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli sbarchi in Italia di derivati di pomodoro in arrivo dalla Cina sono più che raddoppiati, tanto che alla fine dell’anno potrebbero superare i 100 milioni di chili, pari a circa il 15% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente. E il pericolo che si corre è che il prodotto importato possa essere spacciato sui mercati nazionali ed esteri come Made in Italy.

Parlano chiaro i dati Istat relativi ai primi 5 mesi dell’anno, mentre è in pieno svolgimento la raccolta del pomodoro nazionale stimata in oltre i 5 milioni e 600mila tonnellate, il 10% in più dello scorso anno per l’aumento delle superfici coltivate sotto la spinta del boom della domanda in Italia e all’estero nell’anno della pandemia. 

Leggi anche: Passate di pomodoro, 1 su 5 contiene tossine della muffa. Lidl e Pomì le marche migliori del nuovo test

L’Italia produce oltre la metà di tutto il pomodoro lavorato nell’Unione Europea ed è il terzo produttore mondiale con il 13% del totale, subito dietro la Cina che ne raccoglie il 15%, mentre al primo posto ci sono gli Stati Uniti con la California con il 27%. Dietro all’Italia ci sono la Spagna e la Turchia con il 7% della raccolta mondiale, quindi Brasile (4%), Iran e Portogallo con il 3% ognuno. Le superfici coltivate a pomodoro da industria in Italia superano i 78mila ettari di cui quasi la metà al Nord con 38.621 ettari e il resto nel Mezzogiorno. La Puglia è la principale regione produttrice seguita dall’Emila Romagna e dalla Campania.

Ora, però, a preoccupare sono gli arrivi dalla Cina, il primo fornitore dell’Italia, con quasi la metà degli arrivi di prodotto semilavorato estero, seguita dagli Stati Uniti, dalla Spagna e dalla Turchia in rapida crescita nell’ultimo anno.

Dalla Cina si sta infatti assistendo a sempre più navi che sbarcano fusti di oltre 200 chili di peso con concentrato di pomodoro da rilavorare e confezionare.

Un commercio che va controllato attentamente – dicono da Coldiretti – per evitare che possa nascondere frodi o inganni. Il rischio, infatti, è che il prodotto importato venga spacciato sui mercati nazionali ed esteri come Made in Italy con gravi danni al prodotto nazionale in termini di mercato e di immagine.

In Italia esiste l’obbligo di etichettatura con il luogo di coltivazione del pomodoro utilizzato per i derivati che hanno le rosse bacche come unico o principale ingrediente, ma nulla è previsto per i prodotti destinati all’estero. I derivati del pomodoro sono il condimento più apprezzato dagli italiani che ne consumano circa 30 chili a testa all’anno a casa, al ristorante o in pizzeria secondo le stime della Coldiretti. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Coldiretti

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook