Pesto ai pesticidi: tracce in quasi tutte le marche più famose

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La pasta al pesto è uno dei piatti tipici del nostro paese, amata anche dai bambini e considerata un pasto sano, a patto però che il pesto sia fatto in casa. Un nuovo test ha svelato infatti che la maggior parte dei barattolini di pesto nascondono all’interno non solo basilico e parmigiano ma anche oli minerali e un mix di pesticidi.

La nuova analisi della rivista tedesca Okotest si è soffermata ad analizzare 20 confezioni di pesto (alcune delle quali vendute anche in Italia) per valutare se all’interno vi fossero tracce di pesticidi o altre sostanze inquinanti potenzialmente dannose per la salute. Presenti nel campione anche 4 prodotti bio.

Questi i marchi analizzati:

  • Pesto Verde – Alnatura (biologico)
  • Pesto alla genovese Barilla
  • Pesto verde Bertolli
  • Pesto alla genovese Buitoni
  • Pesto alla Genovese Casa Romantica
  • Pesto alla Genovese Cucina (Aldi)
  • Pesto alla genovese De Cecco
  • Pesto alla Genovese Gut & Günstig
  • Pesto alla genovese Italiamo (Lidl)
  • Pesto Verde Ja!
  • Pesto alla genovese – K-Classic
  • Pesto al Basilico con Pecorino – La Selva (biologico)
  • Pesto verde – Miràcoli
  • Pesto alla genovese – Mondo italiano
  • Pesto Verde – Oro d’Italia
  • Pesto Genovese Bio Ppura (biologico)
  • Pesto ligure – Rapunzel (biologico)
  • Pesto alla genovese Saclà
  • Pesto San Fabio
  • Pesto alla genovese – Villa Gusto

Risultati

I risultati sono davvero pessimi. Il 60% dei pesti di basilico testati fallisce ottenendo un punteggio di “scarso” o “insufficiente” e solo 2 raggiungono un “soddisfacente”. In pratica su 20 confezioni di pesto nessuna viene promossa a pieni voti dall’analisi di laboratorio.

Cosa è stato trovato? Oli minerali, miscela di pesticidi o, nei casi peggiori, entrambe le cose insieme. Tracce di contaminazione sono state trovate in tutti i pesti del test ma in particolare 8 prodotti sono risultati con alti livelli di idrocarburi saturi (MOSH) e idrocarburi aromatici (MOAH). I primi si accumulano nel tessuto adiposo umano e negli organi mentre i secondi possono causare il cancro.

Vi starete chiedendo da dove proviene l’olio minerale trovato nel pesto. Anche a questo risponde Okotest che spiega come gli oli lubrificanti utilizzati negli impianti di produzione ma anche gli stessi ingredienti di cui ci si serve per realizzare il pesto (olio di oliva, parmigiano, ecc.), se a loro volta contaminati, possono andare ad inficiare anche il prodotto finale.

L’olio d’oliva, ad esempio, può entrare in contatto con oli lubrificanti delle macchine durante la raccolta e successivamente anche nei frantoi. Altre possibili vie di ingresso includono pesticidi a base di olio di paraffina e gas di scarico.

Nonostante gli oli minerali negli alimenti non siano pericolosi nell’immediato, il consumo di cibi che li contengono deve essere limitato al minimo sul lungo periodo. E’ per questo che i produttori sono obbligati a capire da quali fonti proviene l’inquinamento e a modificare di conseguenza i loro processi produttivi.

Un grosso problema evidenziato nel test sono anche i pesticidi presenti nel pesto. Solo cinque prodotti testati ne sono privi (il pesto Buitoni e le 4 marche biologiche testate), in tutti gli altri il laboratorio ha trovato una miscela di diverse sostanze. Si precisa che i livelli di pesticidi individuati nel pesto sono inferiori ai limiti e considerati sicuri per la salute secondo le valutazioni dell’Ue, tuttavia la rivista, giustamente, critica anche piccole quantità di pesticidi negli alimenti, soprattutto quando c’è un gran numero di diverse sostanze all’interno della stessa confezione e considerando che non si conoscono ancora bene gli effetti dei multiresidui e dal mix derivante da tanti residui sotto i limiti in tanti prodotti che ogni giorno alla fine consumiamo.

Il laboratorio ha rilevato la maggior parte delle singole sostanze in un noto marchio di pesto (Barilla), inclusa la deltametrina. Questo pesticida mette in pericolo le api, così come l’acetamipride, che è contenuto nel pesto di un’altra marca.

In due pesti, poi, il laboratorio ha rilevato la presenza di pletil dietilesilftalato (DEHP), classificato come pericoloso per la riproduzione mentre in altre 5 marche erano presenti tracce di plastificanti, i cui coperchi contengono ancora composti clorurati.

Curiosi di sapere come sono andati i pesti più famosi italiani o comunque venduti nel nostro paese?

  • Pesto alla genovese Barilla (contiene tracce di 10 pesticidi, inclusa come già detto la deltametrina, e oli minerali)
  • Pesto verde Bertolli (contiene tracce di 5 pesticidi e oli minerali, compresi i Moah)
  • Pesto alla genovese De Cecco (contiene tracce di 7 pesticidi e oli minerali, compresi i Moha)
  • Pesto alla genovese Italiamo (Lidl) (contiene 6 pesticidi e oli minerali, compresi i Moah)
  • Pesto alla genovese Saclà (contiene 4 pesticidi in tracce e oli minerali, inclusi i Moah).

Tra i “migliori” due c’è il pesto Buitoni che non presenta tracce di pesticidi ma solo di oli minerali, l’altro che ottiene il punteggio di “soddisfacente” è il pesto genovese biologico Ppura.

pesto3

© Okotest

Visti i risultati di questo test non resta che comprare una bella piantina di basilico bio e preparare il proprio pesto fatto in casa. Qui trovate la nostra ricetta e alcune varianti.

Fonte: Okotest

Riceviamo e pubblichiamo la replica di De Cecco:

De Cecco: I nostri valori sono molto al di sotto dei limiti di legge.

A seguito del nostro articolo sul pesto, pubblicato in data 3.06.2020, a firma di Francesca Biagioli, e intitolato “Pesto ai pesticidi: da Barilla a De Cecco, tracce in quasi tutte le marche più famose”, la De Cecco ci ha inviato una rettifica che riportiamo di seguito.

Nel pesto alla genovese a marchio De Cecco la presenza di pesticidi e di oli minerali, sebbene in traccia, è nettamente inferiore ai limiti di legge e ai limiti prudenziali indicati nelle linee guida adottate dalla stessa Germania, sicché definire anche il pesto De Cecco “pesto ai pesticidi” è affermazione grave, offensiva e oltretutto falsa.

Quanto ai pesticidi, è noto che non esistono limiti di legge per il pesto in quanto trattasi di prodotto composto, pertanto occorre far riferimento ai singoli ingredienti di cui si compone. Il basilico è il maggior ingrediente (37%) e quello utilizzato per la preparazione del pesto De Cecco presenta pesticidi in numero nettamente inferiore ai limiti di legge.

Quanto agli oli minerali raggruppati in MOSH (saturi) e MOAH (aromatici), è altrettanto noto che ad oggi non esistono limiti a livello europeo, ma solo la raccomandazione UE/2017/84 con cui si esorta a ridurre al minimo detti residui.

Il metodo ufficiale per la loro determinazione è la norma tecnica EN 16995:2017 secondo cui il risultato, in base a studi effettuati da più laboratori, è da considerarsi attendibile se è al di sopra di 10 mg/Kg. Pertanto, valori inferiori sono fortemente dubbi: circostanza confermata anche nel corso del convegno su MOSH e MOAH, organizzato da INNOVHUB a novembre 2019 (Stazione Sperimentale Oli e Grassi di Milano), dove tutti i ricercatori esperti del problema hanno relazionato e fornito conferme in tal senso. In Germania, la presenza di MOSH e MOAH è stata più volte emendata con linee guida e raccomandazioni: nel febbraio 2019 era stato indicato il valore massimo di 2 mg/Kg per i MOSH e 0.5 mg/Kg per i MOAH: trattasi di valori molto inferiori rispetto al limite di rilevabilità di cui al metodo sopra indicato. Diversamente, nell’aprile 2019, con le linee guida pubblicate dal Bund für Lebensmittelrecht und Lebensmittelkunde e.V. (German Federation for Food Law and Food Science), sono stati fissati limiti di raccomandazione più elevati: per i MOSH massimo 13 mg/Kg e per i MOAH massimo 2 mg/Kg.

Nel pesto alla genovese De Cecco è stato riscontrato un valore totale di MOSH pari a 9.4 mg/Kg, quindi ben al di sotto del limite di 13 mg/Kg, e anche le varie frazioni di MOAH sono risultate nettamente inferiori al limite di 2 mg/Kg.

Infatti:

  • >C10 e <C16     <0,5 mg/Kg       (inferiore ai 2 mg/Kg)
  • >C16 e < C25      1.5 mg/Kg       (inferiore ai 2 mg/Kg)
  • >C25  e < C35     0,7 mg/Kg       (inferiore ai 2 mg/Kg)
  • >C35 e < C50     < 0.5 mg/Kg     (inferiore ai 2 mg/Kg)

Ne deriva che, anche sotto il profilo dei MOAH, il pesto De Cecco risulta ben al di sotto dei valori guida pubblicati da Bund für Lebensmittelrecht und Lebensmittelkunde e.V. (German Federation for Food Law and Food Science)  nell’aprile 2019 e pertanto il prodotto è perfettamente regolare”.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook