Cucciolo di cane salvato da una scimmia

Pesce surgelato: Lidl e Bofrost promossi. Test tedesco rileva oltre 4mila particelle di microplastica per filetto (e sconsiglia una varietà)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosa contiene davvero il pesce confezionato che acquistiamo al supermercato? E quale tipo di pesca è stata utilizzata per farlo arrivare sulle nostre tavole? La rivista dei consumatori Ökö-Test esamina questa volta il pesce congelato. Nel test, filetti di merluzzo e merluzzo dell’Alaska competono l’uno contro l’altro. E non si tratta solo di gusto, ma anche di sostenibilità. A vincere è il merluzzo di Alaska, mentre la rivista sconsiglia il merluzzo.

Leggi anche: Tonno in scatola e pesce confezionato: ancora troppo sale e poca trasparenza sulle condizioni di pesca

Öko-Test ha esaminato più da vicino e testato 15 prodotti di filetto di merluzzo bianco e 4 filetti di merluzzo d’Alaska (non condito e senza panatura) – con risultati molto diversi. Come sempre,  ha verificato le proprietà sensoriali (gusto e olfatto e quasi tutti i filetti di pesce hanno avuto un sapore impeccabile per gli esperti sensoriali incaricati) e ha esaminato i prodotti alla ricerca di sostanze nocive come il mercurio. Tutti i prodotti testati sono stati in grado di convincere in entrambi i punti.

Di quelli testati sul mercato tedesco, alcuni si vendono anche in Italia:

  • Lidl
  • Eismann
  • Aldi
  • Bofrost
  • Penny

Il merluzzo ha di fatto una storia decennale di pesca eccessiva. Alcuni degli stock naturali nell’Atlantico sono già crollati, altri, come il merluzzo al largo dell’Islanda o nel Mare di Barents più a nord-est, sono considerati buoni, ma vengono pescati così intensamente che anche loro stanno raggiungendo i loro limiti.

I perdenti di Öko-Test, in sintesi

  • Filetti di merluzzo Costa (non sufficiente): i risultati dei test sulla pesca sostenibile e sulla trasparenza sono particolarmente decisivi per il giudizio negativo
  • Filetti di merluzzo Deutsche See (insufficiente): reti a strascico, pesca eccessiva e tracce di clorato sono le ragioni del rating
  • Paulus Genussmanufaktur Filetto di merluzzo dell’Alaska (sufficiente): la società non è stata in grado di dimostrare la catena di approvvigionamento. Inoltre, la categoria specifica rete da traino non è chiaramente indicata sulla confezione

L’intero risultato del test è disponibile per la lettura su Öko-Test.

Presenza di microplastiche

Per la prima volta, sono state analizzate casualmente i pesci per le microplastiche.

Eravamo interessati alla misura in cui le particelle di plastica degli oceani possono accumularsi nei filetti di pesce. Gli effetti sulla salute sono ancora in gran parte inesplorati. Abbiamo esaminato sei campioni casuali ed ecco: il laboratorio ha trovato quello che stava cercando, per filetto di pesce c’erano una media di 4.164 particelle di plastica tra 6 micrometri e 5 millimetri di dimensione.

I sei campioni analizzati a caso erano tutti contaminati da microplastiche. Nello specifico, in laboratorio è stato rilevato che per filetto di pesce c’erano una media di 4.164 particelle di plastica tra 6 micrometri e 5 millimetri di dimensione.

Sostanze nocive

Inoltre, i laboratori hanno trovato pochissimi inquinanti. Accumulo di mercurio o i nematodi erano nella norma, mentre non si sono registrati segni di contaminazione microbica.

Tracce di clorato sono state trovate in numerosi filetti, ma il contenuto è risultato “leggermente aumentato” in un solo caso. Il clorato può derivare da disinfettanti che contengono cloro, che sono comunemente usati nella lavorazione del pesce.

Su 15 prodotti testati, Öko-Test può consigliarne dodici – otto anche con la valutazione complessiva “molto buono”, inclusi molti prodotti scontati, tra cui:

La pesca

I metodi di pesca rimangono il grande nodo. Il merluzzo testato ha mostrato metodi di pesca distruttivi. Indipendentemente dagli stock, la pesca del merluzzo ha ancora un problema ecologico: poiché il pesce nuota molto vicino al fondo marino, le reti a strascico sono ancora il metodo di pesca più comune e queste gigantesche borse a rete, che pesano tonnellate, sono tra i metodi di pesca più distruttivi di tutti. Arano nel vero senso della parola i fondali e lasciano tracce di devastazione per anni.

Quindi nel caso dei filetti di merluzzo, nessuno dei prodotti testati è stato valutato “molto buono”.

Ci sono alternative più sostenibili e solo un prodotto di merluzzo esaminato nel test viene catturato con lenze meccaniche a mano – un metodo in cui i pesci vengono tirati fuori dal mare da barche più piccole sugli ami.

Secondo il testo, invece, il merluzzo dell’Alaska proverrebbe da stock ittici intatti: la maggior parte del pollack dell’Alaska nel test proviene dal Mare di Okhotsk, che si estende al largo della costa pacifica della Russia. E qui, scrivono, ci sono ancora molti stock ittici intatti anche per l’elevata fertilità della specie.

Poiché il merluzzo dell’Alaska non nuota vicino al fondo, può essere catturato con “reti da traino pelagiche”. Grandi quanto le reti a strascico, vengono trascinate in mare aperto mentre galleggiano e di solito non toccano il fondo.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Öko-Test

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook