@estathé

Tutti pazzi per i nuovi ghiaccioli all’Estathé, ma cosa c’è dentro?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Ferrero ha deciso di lanciarsi nel mondo dei gelati confezionati e tra le proposte, oltre agli stecchi Ferrero Rocher e Raffaello, ci sono anche i ghiaccioli all’Estathé. Ma con quali ingredienti sono realizzati?

L’Estathé è una bevanda molto diffusa e amata che, proprio a partire da questo mese, sarà disponibile anche in una nuova versione estiva. Parliamo dei ghiaccioli all’Estathé che la Ferrero ha lanciato nei due gusti più classici: limone e pesca.

Questi, come si legge in una nota stampa, saranno prodotti in Spagna, nello stabilimento di Alzira (Valencia) e saranno disponibili non solo sul mercato italiano ma anche in Austria, Francia, Germania e Spagna.

Non è in realtà la prima volta che il noto tè freddo si trasforma in ghiacciolo. Esiste infatti già l’Estathé Ice che deve però essere messo prima nel freezer di casa per poter diventare ghiacciato ed essere consumato.

La novità, invece, si troverà già pronta nel banco freezer. Ma cosa contengono i nuovi ghiaccioli all’Estathé?

Ingredienti ghiaccioli Estathé

Come si legge sul sito ufficiale Estathé, i nuovi ghiaccioli sono realizzati con:

infuso di foglie di the nero 74% (acqua, the nero), zucchero, sciroppo di glucosio, sciroppo di glucosio-fruttosio, aromi, succo di limone in polvere reidratato (0,5%), addensanti (farina di semi di carrube, pectine), esaltatore di sapidità (acido ascorbico), acidificante (acido citrico).

Questa invece la tabella nutrizionale per 100 grammi di prodotto:

tabella nutrizionale estathe ghiacciolo

@Estathé

Non sappiamo esattamente quanto pesa il singolo ghiacciolo, solitamente si tratta di 60-70 grammi, ma comunque indipendentemente da questo, nel prodotto si nota la presenza rilevante degli zuccheri oltre che quella di addensanti, aromi, esaltatori di sapidità e acidificanti. Tutte sostanze che potremmo evitare, semplicemente preparando i nostri ghiaccioli in casa.

Se proprio non riuscite a fare a meno di assaggiare i ghiaccioli Estathé, evitate almeno di darli ai bambini, non solo per la questione zucchero ma anche per la presenza del tè (non deteinato).

Anche e soprattutto per i più piccoli vi consigliamo di autoprodurre i ghiaccioli. Potete seguire le nostre ricette:

Si possono ovviamente realizzare anche con il tè e l’aggiunta di succo di limone e pesca (quando di stagione) o aromatizzare in altro modo. In questo caso avremmo anche il vantaggio di poter dosare meglio il quantitativo di zucchero o addirittura scegliere di non aggiungere questo o altri dolcificanti.

Leggi anche:  Tè freddo: 10 ricette per prepararlo in casa

Fonte: Estathé 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
eBay

Dall’iPhone al Samsung, i migliori smartphone da acquistare ricondizionati

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook