Aceto balsamico: trovate tracce di ben 9 diversi pesticidi (alcuni vietati) anche nelle marche più famose. Il test svizzero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In un nuovo test, Ktipp, la rivista svizzera di informazione ai consumatori ha analizzato diverse bottiglie di aceto balsamico alla ricerca di pesticidi che, purtroppo, sono stati effettivamente trovati nella metà dei prodotti.

La stessa rivista già nel 2015 aveva effettuato un’indagine sull’aceto balsamico. In quel caso si era visto che molti aceti contenevano zuccheri aggiunti, sostanze potenzialmente cancerogene e pesticidi dell’uva.

La nuova analisi, effettuata su 14 aceti balsamici venduti nei supermercati o discount, mostra diversi miglioramenti: ad esempio nessun aceto balsamico è risultato avere zuccheri aggiunti o essere adulterato e in nessun caso è stata trovata la presenza di ocratossina o 4-metilimidazolo, sostanze problematiche che precedentemente erano state invece individuate in alcuni prodotti.

In quanto ai pesticidi, però, c’è ancora molto lavoro da fare.

I risultati

Il test ci mostra come i prodotti più costosi non siano automaticamente anche quelli più “puliti” e di qualità. La rivista sottolinea ad esempio che proprio il costoso aceto balsamico di Globus Delicatessa è risultato essere il peggiore: conteneva infatti un mix di ben nove diversi pesticidi.

Tra questi era presente l’iprodione che protegge l’uva da muffe e parassiti ma può causare il cancro e perciò è vietato già dal 2018.

L’azienda Globus ci tiene però a sottolineare che l’aceto rispetta i valori massimi di legge. L’iprodione può essere ancora presente  in piccole quantità, considerando tra l’altro che il processo di produzione tradizionale dell’Aceto Balsamico dura diversi anni. È quindi ipotizzabile che nel prodotto possano essere contenuti residui marginali di pesticidi oggi non più utilizzati.

Al di là dell’iprodione, però, il problema del cosiddetto “cocktail” di pesticidi, è una faccenda piuttosto seria in quanto, anche se ciascuna sostanza è in minima quantità, insieme alle altre potrebbe rafforzare gli effetti negativi. Per fare chiarezza su questo aspetto sono in corso diversi studi.

Anche altri costosi aceti balsamici analizzati, questa volta italiani, come quelli di Mazzetti e Giuseppe Giusti, contenevano diversi pesticidi, 3 per la precisione, sia pure in quantità minori.

I seguenti prodotti sono risultati invece completamente privi di residui:

  • Aceto Balsamico Despar
  • Ponti Aceto di Balsamico
  • Aceto balsamico Antica Modena
  • Aceto balsamico Garibaldi
  • Acetino (Lidl)

Anche i 2 aceti balsamici biologici testati sono risultati “puliti”, si tratta dell’aceto Migros Bio e dell’Aceto Coop Naturaplan.

Nella seguente tabella potete vedere tutti i risultati.

aceto balsamico test

@ Ktipp

Fonte: Ktipp

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook