Si fa presto a scrivere multicereale! Lidl e Aldi denunciate dalle associazioni

multicereali

Sai davvero cosa c'è in un prodotto multicereale? Ecco cosa non ci dicono

Tra gli scaffali dei supermercati sono molto presenti i prodotti in cui oltre al grano vi sono anche altri cereali. Ma il contenuto rispecchia effettivamente il loro nome?

Solitamente la definizione "multicereale" richiama nei consumatori il concetto di "salutare". Prodotti come pane, crackers, biscotti contenenti vari grani costano anche di più rispetto agli alimenti che ne contengono solo uno. Ma il gruppo di difesa europeo Foodwatch ha presentato denunce formali contro i supermercati Lidl e Aldi all'Autorità per la sicurezza dei prodotti alimentari e dei consumatori (NVWA) dei Paesi Bassi, in merito all'etichettatura "multicereali" dei loro prodotti a marchio.

Multicereali anche se hanno una sola varietà aggiuntiva

Secondo Foodwatch, infatti, numerosi prodotti multicereali dei supermercati tedeschi low cost sono fuorvianti, a causa della loro presenza di "pochissimi chicchi diversi dal grano principale".

Ciò è in gran parte dovuto alla mancanza di regolamenti specifici: "I produttori possono definire i prodotti 'multicereali' se un grano di orzo, avena o segale viene aggiunto al componente principale del grano."

Mancano regole chiare

Fatta le legge, scoperto l'inganno. Il problema sta nel fatto che "multicereale" non è un termine legalmente protetto. In quanto tale, può essere utilizzato liberamente dai produttori purché gli alimenti contengano almeno una varietà aggiuntiva di cereali. Secondo Foodwatch, ciò consente di camuffare la percentuale di cereali nella lista degli ingredienti.

Come ovviare al probelma della scarsa chiarezza? Di certo, se un consumatore vuole acquistare prodotti multicereali deve essere a conoscenza del reale contenuto di ciò che compra e consuma. Per questo Foodwatch ha chiesto ai produttori di chiarire la quantità esatta dei singoli cereali. Ma non solo. Gli alimenti contenenti una quantità minima di grani alternativi non devono essere etichettati come "multicereali" e, in quanto tale, venduti a un prezzo più alto.

"Non è più sufficiente avere la lista degli ingredienti corretta. Il resto del pacchetto non dovrebbe essere fuorviante. Chiamare multicereale un prodotto ma mettere un numero limitato di grani è fuorviante ", ha dichiarato a FoodNavigator l'attivista di Foodwatch Sjoerd van de Wouw.

Non solo Foodwatch

Anche altre associazioni si sono già interessate al problema. La Dutch Association for Bakery chiede chiarezza suggerendo anche di utilizzare il termine "pane multicereali" per designare l'alimento che, oltre al grano principale, ne contenga almeno altri due.

L'associazione ha anche chiesto che questi altri cereali rappresentino almeno il 10% della parte totale dei semi e dei grani del prodotto. Inoltre, la percentuale dei diversi grani presenti nei prodotti finiti dovrebbe essere identificata sui prodotti preconfezionati.

La risposte dei supermercati

La campagna di Foodwatch ha già dato alcuni risultati. Alcune catene di supermercati olandesi tra cui Albert Heijn, Jumbo e Plus si sono impegnate a indicare il contenuto dei vari cereali sulla confezione e a identitificare con questo attributo quelli che ne contengono almeno il 10%.

Anche Lidl si è impegnata a raggiungere il 10% di grani nei suoi prodotti "multicereali" e ciò ha spinto Foodwatch a ritirare la denuncia nei suoi confronti.

Non solo multicereali

Lo stesso problema riguarda anche i prodotti integrali. L'Organizzazione europea dei consumatori (BEUC), ha evidenziato pratiche ingannevoli nell'etichettatura di alcuni alimenti venduti in Europa.

"Prodotti simili nella stessa categoria possono riportare la dicitura 'integrale' nella parte anteriore del pacco ma risultano avere quantità molto diverse quando si guarda il retro", ha dichiarato Emma Calvert a FoodNavigator. “Ad esempio, CLCV ha recentemente esaminato 105 cereali da colazione per bambini in Francia e ha scoperto che quelli etichettati come integrali contenevano una percentuale integrale che variava dal 2% all’84%".

La speranza è che vengano utilizzate regole più severe soprattutto se il prodotto finito non contiene quasi alcun chicco rispetto alla componente principale componente di grano.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

whatsapp

WhatsApp

greenMe è su WhatsApp! News sul tuo cellulare ogni giorno

corsi pagamento
seguici su facebook