Trash Cafe’: studenti progettano la caffetteria mobile e smontabile dai rifiuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una caffetteria mobile e smontabile dove tutto è fatto con bottiglie di plastica e cartone riciclati, tranne il caffè. L’hanno realizzata 18 studenti pieni di inventiva dell’Università di Newcastle, in Inghilterra, che hanno collaborato con ingegneri e architetti per diffondere la consapevolezza ambientale tra i giovani designer e motivarli a utilizzare materiali sostenibili.

Si chiama Trash Cafè, ovvero la caffetteria dei rifiuti, e fa parte di un progetto finanziato dalla Engineering and Physical Sciences Research Council (EPSRC) e pensato dagli ingegneri Stephanie Glendinning e Mark Powell per incoraggiare le persone a pensare e comportarsi in modo diverso nei confronti del cibo e degli imballaggi con cui è confezionato.

Con sedie di plastica di bottiglia, pareti di scatole di cartone e grembiuli per i baristi realizzati dai sacchetti di plastica, il caffè punta tutto sull’upcycling e sulla ri-progettazione di prodotti che sono destinati a essere completamente riciclati e ripensati per una nuova vita dopo il loro primo utilizzo.

Trash-Cafe-Newcastle-University-10

L’Upcycling consiste nel prendere materiali che normalmente sarebbero considerati rifiuti e trasformarli in qualcosa di valore…. bottiglie di plastica, cartoni e altri imballaggi, una volta considerati privi di valore, possono riacquisirlo se le persone identificano in questi componenti una gamma di possibilità creative”, spiega Powell.

Trash-Cafe-Newcastle-University 9

E quale posto migliore per parlare del riciclo creativo e dell’importanza di una corretta gestione dei rifiuti se non un caffè, luogo per eccellenza della conversazione? Al Trash Cafè, nel campus della Newcastle University, ora i visitatori potranno godere di una buona tazza di caffè e toccare con mano quello che si può realizzare con un po’ di ingegno da cio’ che comunemente viene scartato. Occhio, però: la caffetteria potrebbe essere smantellata e spostata in un’altra posizione.

Roberta Ragni

Photo credit

LEGGI anche:

A Londra un caffe’ da ex toilette vittoriana

Come realizzare lampade e lampadari dai contenitori in tetra pack

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook