Dall’Università di Bolzano ecco come riciclare la polvere di caffè delle capsule

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Polvere di caffè delle vecchie cialde. Perché sprecarla? I ricercatori di Bolzano scoprono un riutilizzo eco-sostenibile: usarla per l’estrazione di antiossidanti e lipidi naturali per l’industria alimentare!

È così che alla Facoltà di Scienze e Tecnologie il team di ricerca in Scienze e Tecnologie alimentari, coordinato dal prof. Matteo Scampicchio, ha realizzato uno studio che punta a ridurre i rifiuti prodotti dall’uso di capsule e cialde.

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il prof. Scampicchio, “allora, quasi come sfida, ci siamo chiesti se, oltre a riciclare l’alluminio o la plastica, sia possibile recuperare anche le cialde esauste”.

Come sappiamo, e abbiamo scritto negli anni passati, esistono già progetti di recycling o di creazione di capsule compostabili. Ma nessuno finora aveva pensato è come reimpiegare la polvere di caffè esausta, una volta preparato il caffè espresso.

Così il team ha svuotato dieci chilogrammi di cialde di scarto della macchinetta dell’ufficio e ne ha travasato il contenuto nel reattore dell’impianto a CO2 supercritica presente presso i laboratori di Unibz.

gruppo di ricerca food prof. matteo scampicchio foschungsgruppe food

“L’anidride carbonica funziona da solvente e fluisce nella matrice attirando e portando con sé le sostanze affini. Queste, nello stadio finale vengono separate dalla CO2, che ritorna a uno stato gassoso”, spiega la ricercatrice Giovanna Ferrentino. Il procedimento di recupero delle cialde usate potrebbe essere sfruttato su larga scala per ottenere, come in laboratorio, sia antiossidanti che lipidi, sostanze utili per l’industria alimentare per sostituire, ad esempio, l’olio di palma“.

Leggi anche:

I fondi del caffe’ sono una miniera di antiossidanti

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista statunitense Journal of Thermal Analysis and Calorimetry.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook