Natale, regali fai-da-te: come confezionare creativamente le conserve fatte in casa

marmellata_fiki

Ancora qualche settimana e il Natale, che vi piaccia o no, arriverà nelle nostre case e, come ogni anno, milioni di persone stanno già prendendo d’assalto i negozi di ogni città alla ricerca del regalo adatto. Ma per non farsi prendere dal panico e soprattutto per non contribuire ad aumentare le tonnellate di rifiuti di ogni genere, che inevitabilmente in occasione delle grandi feste popolari e religiose, come quelle natalizie, vanno a finire in discarica, perché non decidere di rendere davvero eco questo Natale, riducendo i consumi e di conseguenza gli sprechi, cercando di non acquistare e preparando proprio con le nostre mani, doni per amici e parenti?

E quale regalo più gradito se non un vasetto di conserva fatto in casa? Buona, genuina, salutare e soprattutto sempre apprezzata dai cultori della cucina casalinga. Ma proprio perché anche l’occhio vuole la sua parte, che siano di marmellata o di verdure sott’olio e sotto aceto, un’idea, per dare un bell’aspetto ai barattoli di vetro riposti nella dispensa, è quella di confezionarli riciclando vecchi oggetti che non usate più. E allora ecco di seguito qualche suggerimento, per dare un look speciale e natalizio alle vostre preziose conserve invernali, fatte in casa.

Di cosa avete bisogno?

Forbici sagomate o smerlate, affilate, ma anche quelle normali possono andar bene.

Nastro biadesivo.

  • Stoffa colorata, che potrete ricavare riciclando vecchie t-shirt, camicette, ma anche tovaglie, foulard, tovaglioli, ecc.. Per un lavoro raffinato potreste procurarvi della stoffa di un colore in contrasto o in abbinamento con quella della conserva (rossa per un barattolo di conserva di pomodoro, gialla per uno di marmellata di more), ma anche della stoffa vintage o con degli strass. Insomma sbizzarritivi con la fantasia.
  • Oggetti che avete intenzione di regalare per rendere ancora più speciale la vostra conserva, ad esempio fazzoletti d’epoca, tovaglioli, centrini (fatti a mano all’uncinetto o a maglia).
  • Carta, avanzi di carta da parati, cataloghi, riviste con un’immagine che vi piace, carta artigianale, vecchi biglietti di auguri, pagine di un vecchio libro di ricette scartate, ecc..
  • Elementi di fissaggio, come filo da ricamo, filati, elastici colorati, spago, rafia, lungo stelo di una pianta robusta (come il rosmarino), nastri di stoffa colorati, ecc..
  • Elementi decorativi, stecche di cannella, frutta secca, fiorellini di carta ecc..

Nel momento in cui avrete a disposizione più o meno tutti questi elementi, per prima cosa scrivete su un’etichetta o direttamente sul coperchio il nome e la data della conserva.

Fatto questo, tagliate un pezzo di stoffa o di carta, regolandovi per le dimensioni, di modo che una volta messo sul coperchio, esca ai lati per almeno 2cm.

conserve_confezioni1

Mettete un pezzo di nastro biadesivo sul coperchio e, centrandola, posizionate bene la stoffa o la cara, premendo per farla aderire perfettamente al coperchio. Successivamente, in modo delicato ma con mano ferma, lisciate la stoffa verso il basso su tutti i lati del barattolo per creare delle piccole pieghe.

conserve confezioni2

Ora è necessario fissare la stoffa o la carta al coperchio. Prendete il filo che avete scelto e giratelo intorno alla circonferenza ben stretto.

Ed infine lavorando con la fantasia, in questa fase, potreste aggiungere, qualsiasi oggetto o elemento che avete pensato di utilizzare per rendere ancora più speciale e personale la conserva, come ad esempio una stecca di cannella, fissata con il filo al barattolo, ma anche dei fiorellini di carta o rametti di spezie come rosmarino, peperoncino ecc..

Una idea originale e sfiziosa che soddisferà il palato e la vista dei vostri amici e parenti buon gustai.

Gloria Mastrantonio

Leggi la nostra guida sulle conserve fai-da-te

Leggi tutti i nostri articoli sul Natale

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

tuvali
seguici su Facebook