Una balena sotto l’albero: come regalare una spedizione per studiare i cetacei

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A corto di idee per i regali di Natale? Perché non pensare a qualcosa di utile per la salvaguardia degli animali e del loro ambiente? Può sembrare un’idea fuori stagione incontrare di balene e delfini del Mediterraneo, eppure è quello che l’Istituto Tethys, che dal 1986 studia la biodiversità del Mediterraneo per proteggerla, propone a chi vuole fare un regalo tanto semplice quanto fuori dal comune.

Per Natale, per la prima volta, si può infatti regalare una spedizione per la prossima stagione: si acquista un “buono”, con il quale il destinatario del dono potrà poi decidere, a suo tempo, il periodo e la destinazione. I turni, di una settimana, vanno da aprile a fine settembre e sono di due tipi: a bordo del motorsailer “Pelagos” alla scoperta di balenottere, capodogli e altre specie di cetacei del Santuario del mar Ligure, oppure nella meravigliosa Grecia Ionica, con base a terra e uscite in gommone con i ricercatori impegnati a studiare la popolazione locale di delfini.

Le spedizioni di Tethys non sono puro whale watching, ma costituiscono un’opportunità per affiancare gli esperti nel loro lavoro e rendersi conto del perché è necessario tutelare il loro – e nostro- ambiente. Si può aderire direttamente cliccando qui e ricevere via mail il buono da stampare e mettere sotto l’albero di Natale. L’iniziativa sarà valida solo per le Feste, fino al 6 gennaio 2014.

Per un presente meno impegnativo si può regalare un capodoglio per Natale, donando a una persona l'”amicizia” con uno dei capodogli del mar Ligure che Tethys ha foto-identificato. Il destinatario riceverà un certificato personalizzato con il suo nome, la foto di riconoscimento del cetaceo e le informazioni che i ricercatori hanno su di lui.

capodogli

La spedizione avviene via e-mail oppure per posta ordinaria; in quest’ultimo caso viene aggiunto anche un portachiave o un ciondolo a forma di coda di balena. La donazione (€10 per certificato elettronico e €50 per quello stampato) servirà a sostenere le ricerche su questa e altre specie di cetacei del Mediterraneo – ricerche che sono sempre ed esclusivamente finalizzate alla tutela degli animali. Per aderire clicca qui

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook