fedi_nuziali_etiche

Se c'è un momento della cerimonia nuziale a cui nessuna coppia di sposi, neppure quella più eccentrica, stravagante e meno affezionata alla tradizione, rinuncerebbe mai, è lo scambio delle fedi: il gesto romantico che più di ogni altro sottolinea la promessa e l'impegno reciproco "finché morte non ci separi". Tuttavia, nonostante l'indiscusso valore simbolico, è raro che ci si chieda da dove provengano le materie prime, l'oro e le pietre preziose con cui vengono fabbricati anelli di fidanzamento e fedi nuziali, o che ci si interroghi riguardo alle condizioni in cui avvengono i processi estrattivi e di lavorazione.

I gioielli sono oggetti così incantevoli, preziosi e scintillanti che tendiamo a dimenticare che anche questo tipo di industria può contribuire all'inquinamento dell'ambiente circostante e, in alcuni casi, allo sfruttamento sociale di intere popolazioni. Eppure, chi indossa un gioiello, a maggior ragione se di grande valore simbolico come una fede nuziale, ha il diritto e il dovere di essere consapevole della sue origini, della sua provenienza e delle conseguenze che la sua creazione comporta.

Proprio per questo bisogna ricordare che, oltre all'inquinamento dell'aria e delle falde acquifere generato da determinati processi di lavorazione, troppo spesso l'estrazione dell'oro e di alcune pietre preziose avviene in circostanze di scarsa tutela o di sfruttamento dei lavoratori, ai danni di una manodopera che è anche minorile e in piena violazione dei più elementari diritti umani. Un esempio emblematico è costituito dai cosiddetti diamanti sporchi (o blood diamonds), estratti clandestinamente da lavoratori privi di qualsiasi diritto e il cui commercio finanzia gruppi terroristici, bande di paramilitari o signori della guerra, alimentando violenze e disordini, come accade ancora oggi, o è accaduto in un recentissimo passato, in Angola, Sierra Leone, Liberia, Costa d'Avorio, Congo e Zimbabwe.

Negli ultimi anni le Nazioni Unite hanno promosso varie iniziative informative e istituzionali per limitare il mercato nero dei diamanti. Il Conflict-Free Diamonds Council è stato creato appositamente per promuovere l'utilizzo di appositi certificati di origine nel commercio delle pietre preziose e per sensibilizzare i potenziali acquirenti sul tema, spingendoli ad esigere solo diamanti e gemme garantiti conflict-free, estratti e commercializzati legalmente, attraverso procedure trasparenti e alla luce del sole. Vi sono inoltre alcune associazioni - tra le quali la FLO (Fairtrade Labelling Organizations International) -  che sono attive nei paesi in via di sviluppo proprio con l'obiettivo di sconfiggere il mercato nero, da quello delle gemme a quello dei generi alimentari, promuovendo la legalità e tutelando così le popolazioni, i produttori e i lavoratori.

aster_stone_moissanite

Insomma, nonostante i diamanti siano i migliori amici di una ragazza, come cantava Marilyn Monroe in Gli uomini preferiscono le bionde, quando si acquista un gioiello e a maggior ragione se per un'occasione importante come il proprio matrimonio, ci sono vari elementi di cui bisognerebbe tenere conto. Per chi voglia scegliere consapevolmente e responsabilmente il proprio anello nuziale, sapendo che questo acquisto non finanzierà violenze e guerre civili e non danneggerà l'ambiente, esistono oggi numerose alternative solidali ed ecosostenibili. Si può optare per gioielli ornati da pietre certificate conflict-free e per oro e metalli riciclati e non sottoposti a trattamenti chimici. E c'è anche la possibilità di ricorrere a gemme sintetiche, come la moissanite, che è la migliore imitazione esistente del diamante, indistinguibile agli occhi di un profano, e che viene commercializzata a costi molto più accessibili (per avere un'idea dell'effetto finale, potete curiosare tra le collezioni di Charles & Colvard e Aster Stone). Insomma, scegliere in modo responsabile non significa dover rinunciare ad un gesto tradizionale o dover ripiegare su qualcosa di meno bello e di meno soddisfacente. Al contrario, ci sono modelli e creazioni per tutti i gusti: dai più classici e raffinati, ai più eccentrici e stravaganti.

fedi_uroburo

Diamo ora un'occhiata ad alcune delle possibilità offerte dal mercato. In Italia lo studio Uroburo, un atelier di arte orafa fondato a Milano dalla cooperativa sociale Città e Salute, propone fedi dalle linee geometriche, prive di pietre preziose e in materiali non trattati chimicamente.

Se poi si pensa di acquistare i propri anelli nuziali su internet, le opzioni diventano davvero molto varie. GreenKarat, di cui avevamo già accennato nella guida all'eco-sesso,  permette a ciascuna coppia di personalizzare dei gioielli già esistenti o di ideare e disegnare il modello dei propri sogni, per poi vederlo realizzato in gemme sintetiche e metalli rigorosamente riciclati, con la possibilità di contribuire alla produzione con il proprio vecchio oro e risparmiando anche un po'.

brilliant_earthFedi in oro e in altri metalli riciclati, ornati da diamanti e pietre preziose conflict-free e in alcuni casi personalizzabili sono disponibili su siti quali Brilliant Earth (che ogni anno devolve il 5% dei propri profitti al fondo Diamonds for Africa, allo scopo di sostenere le comunità che hanno subito pratiche di sfruttamento per via di metalli e pietre preziose), Hoover and Strong e CRED - The Fair Trade Jeweller.

artisan_wedding_ringL'americana Reflective Images Inc. è invece presente sulla rete con tre marchi di gioielleria (Celtic Jewelry e Artisan Wedding Rings, pensati appositamente per gli sposi, e il più sbarazzino Carousel) e sponsorizza il blog Fair Trade Jewelry, per far conoscere gli effetti disastrosi del mercato nero di oro e pietre preziose e per spingere i consumatori a scelte più consapevoli e responsabili.

Anche gli atelier britannici Fair Gems e Ingle & Rhode propongono gioielli etici: diamanti rigorosamente certificati e oro e metalli non trattati chimicamente, provenienti da fornitori che non impiegano manodopera minorile e che garantiscono ai propri dipendenti un salario equo e le necessarie condizioni igienico sanitarie.

hoover_and_strongAgli stessi principi di eticità, solidarietà e sostenibilità rispondono le raffinate creazioni dei marchi americani Leber Jeweler, che presenta anelli dalle linee classiche, e Dené Design, le cui collezioni sono più frizzanti, colorate e fantasiose. Tra i maestri orafi che propongono on-line anelli e fedi nuziali in metalli riciclati e gemme sintetiche o comunque di provenienza certificata troviamo inoltre Sarah Perlis, Jennifer Dawes, Lori Bonn e Kirsten Muenster (quest'ultima ha ideato delle originalissime creazioni in argento del tutto prive di pietre preziose).

elizabeta_jewelryAltri prodotti, matrimoniali e non, realizzati artigianalmente da orafi indipendenti in oro, metallo, gemme e anche, per i più anticonformisti tra voi, vetro, plastica e legno, si possono trovare su siti quali Elizabeta Jewelry ed Etsi.

Lisa Vagnozzi

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram