regali riciclati natale

Al via il "riciclo" ufficiale dei regali di Natale ricevuti quest'anno. Almeno un terzo degli italiani deciderà di trasformare in doni per altre persone i regali ricevuti pochi giorni fa, ma poco graditi, magari perché non rispettavano i propri gusti o dato che si trattava di doppioni.

Insomma, in tempi di crisi "riciclare" un regalo, piuttosto che gettarlo o dimenticarlo per sempre in fondo ad un cassetto, non è di certo un peccato. Magari proprio quell'oggetto che non troviamo né utile né bello potrebbe fare la felicità di un'altra persona.

Secondo i dati comunicati da Coldiretti, il 35% degli italiani ricicla i regali di Natale. La maggior parte viene destinata ad amici e parenti, mentre il 27% dei doni viene dato in beneficenza. Alcuni regali, non prettamente natalizi, magari vengono tenuti da parte per le prossime occasioni di festa, come i futuri compleanni.

Quest'anno gli italiani hanno speso 3,9 miliardi di euro per acquistare i regali di Natale, il 5% in meno rispetto al 2013. Il riciclo dei regali, invece, è in crescita del 2% circa rispetto allo scorso anno. Altre possibilità per liberarsi in modo green e intelligente dei regali meno graditi riguardano la vendita su internet, la beneficenza e la riconsegna in negozio, con la possibilità di cambiare il prodotto o di ricevere un buono spesa equivalente.

Il 12% degli italiani restituisce i regali in negozio per il cambio, mentre il 17% decide di rivenderli su internet. Ecco una piccola classifica dei regali di Natale che più di altri rischiano di essere destinati al riciclo:

1) Capi di abbigliamento
2) Prodotti per la casa
3) Prodotti tecnologici
4) Prodotti eno-gastronomici

In realtà i prodotti eno-gastronomici rappresentano i regali a minor rischio di riciclo, dato che prima o poi si trova sempre l'occasione per consumarli, magari organizzando una cena in compagnia. In ogni caso, i prodotti eno-gastronomici sono facili da riproporre nel comporre un cesto di buon augurio per il nuovo anno da regalare ad amici o parenti.

"I prodotti con il minor tasso di 'riciclo" sono quelli dell'enogastronomia per i quali" - sostiene la Coldiretti - "si trova sempre l'occasione di consumo mentre più a rischio sono i capi di abbigliamento, i prodotti per la casa o quelli tecnologici che sono molto gettonati tra gli acquisti di Natale".

I regali protagonisti di questo Natale, secondo i dati Coldiretti, sono stati i capi di abbigliamento e gli accessori con il 42%, i prodotti alimentari, anche nei tradizionali cesti, per il 37% degli italiani ed i libri, scelti dal 34%.

Una sola raccomandazione: fate in modo che il regalo ricevuto a Natale e poco gradito non ritorni per errore a chi ve lo aveva donato!

Marta Albè

Fonte foto: clarioneneterprises.com

Leggi anche:

Regali di Natale: il 2013 è il trionfo del dono fai-da-te e del riciclo
Natale: idee per realizzare confezioni regalo con materiali riciclati

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram