TOMS: la scarpa equo-solidale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi lo avrebbe mai detto? Da un paio di scarpe può dipendere la vita di un bambino. In effetti non è poi così strano, con le scarpe possiamo correre, andare a scuola, spostarci con i nostri piedi, senza che questi rischino di farsi male, appunto con una copertura che garantisca loro una protezione dai pericoli esterni e dai malanni del tempo.

Purtroppo, in diverse aree del mondo, la scarpa è ancora una sorta di status symbol, come in Etiopia ad esempio, dove non solo le calzature difendono i bambini da rischi di infezioni o parassiti che possono essere contratti nel contatto diretto col suolo (anchilostomatide, tetano, ecc.), ma ne permettono l’inserimento nella vita sociale e la stessa frequenza a scuola.

In Argentina, patria delle “alpargata” (le espadrillas, scarpe con la suola in canapa, iuta o paglia, n.d.r), l’americano Blake Mycoskie – durate un suo viaggio – ha avuto la brillante idea di creare un brand che permettesse di conciliare l’aspetto prettamente commerciale con quello umano: “one for one”, per ogni paio di scarpe acquistate, uno ai “children in need”.

TOMS_One_Millionth_Pair_Shoe_Drop

Così è nato TOMS, un marchio equo e solidale che, prendendo spunto dalla calzatura in tela vista in Argentina, produce scarpe dal cui acquisto può dipendere il futuro di un bambino. Ce ne sono per tutti i gusti (e per tutte le stagioni), dai Wrap Boots (gli stivali in fascia avvolgente), alla linea Vegan, nonostante la politica di TOMS sia già “earth and animal-friendly”.

TOMS__Feed_The_Children

Brian Mycoskie ed i suoi lavorano a stretto contatto con le organizzazioni umanitarie che abbiano una lunga permanenza nei luoghi in cui operano, proprio per garantire – attraverso queste – che i bambini possano avere il loro paio di TOMS. Insomma, la moda come mezzo universale per aiutare questi bambini nel loro cammino verso un futuro meno incerto.

Sebastiano Piras

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook