Le scarpe vegan di Stella Mc Cartney ora sono anche biodegradibili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scarpe d’alta moda vegan, con tacchi biodegradabili realizzati con materiali in bioplastica e sorprendenti suole bianche derivate da materie prime studiate per ridurre l’impronta ecologica. Quando il mondo del fashion diventa sostenibile c’è quasi sempre il suo zampino creativo: è Stella McCartney, stilista sulla cresta dell’onda e adorata dalle celebs, che ha fatto del forte e personale impegno per l’ambiente una caratteristica ricorrente e portante del suo brand.

Animalista convinta e vegetariana fin da piccola, Stella Mc Cartney continua a stupire con le sue creazioni amiche della Terra e degli animali, come queste ultime scarpe “biodegradibili”, risultato di una profonda ricerca tecnologica e sartoriale, portate sulla prestigiosa passerella presentate alla Paris Fashion Week nella sua collezione autunno-inverno 2012-13.

Per Stella McCartney la moda è questa: modelle che scendono in passerella indossando bellissime calzature in eco-pelle nera liscia o con stampe coccodrillo, di altissima qualità e ricercate nelle finiture e nelle colorazioni, dotate di plateau alto e a contrasto in bianco. E soprattutto a basso impatto ambientale, realizzate con materie prime che potranno essere facilmente smaltite a fine vita.

scarpe bio stella scarpe bio stella2

scarpe bio stella3 scerpebiostella

La stilista per le sue collezioni sviluppa sempre prodotti organici ed eco-friendly e ha fatto di tutto per assicurare che i suoi capi siano sempre privi di sottoprodotti di origine animale, rifiutando per precisa scelta etica pelli e pellicce. Certo, qualche dubbio resta, come il fatto che purtroppo le ditte che producono ecopelle spesso non si fanno scrupoli a inquinare o che moltissime colle sono fatte con prodotti di origine animale.

Resta comunque vero che, grazie a queste creazioni vegan e green, chi ha abbracciato uno stile di vita che rispetta l’ambiente e gli animali non dovrà più accontentarsi di borse in tela e scarpe in plastica. Anzi, potrà godere, rispolverando il suo lato da fashion victim, di un paio di scarpe firmate, eleganti e sensuali. Peccato per il prezzo… Ma a questo si potrebbe rimediare con soluzioni altrettanto eco-friendly come gli swap party o il dress-drossing, no?

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook