La stampante 3D che crea nuovi abiti riciclando quelli usati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E se i vecchi abiti potessero essere riutilizzati come materia prima per produrre nuovi vestiti? Un’idea vecchia come il mondo, ma state a sentire la vera novità. Gli abiti potranno essere realizzati da una stampante 3D.

Tutto merito di Joshua Harris che ha proposto questa sua idea durante un concorso di progettazione, l’Electrolux Lab, arrivando in semifinale.

Creata insieme ad un gruppo di colleghi, la stampante 3D per abbigliamento è concepita come un apparecchio a parete personale, ma che potrebbe essere collegati elettronicamente a stilisti e aziende di abbigliamento. Questi ultimi potrebbero vendere i loro disegni digitali da stampare immediatamente a casa.

Domanda ovvia: e le cartucce? Qui viene il bello. Per avere nuovi abiti, è possibile usare quelli vecchi. Non gettate via la vostra adorata e consumata T-shirt. Basta inserirla nella stampante di Harris et voilà. Ecco pronto un nuovo capo. Al suo interno, i vecchi abiti introdotti vengono letteralmente fatti a pezzi, suddivisi filo per filo e predisposti per il riutilizzo.

Per partecipare al concorso Electrolux, occorreva trovare una soluzione per far fronte alla rapida urbanizzazione della popolazione, con i drastici cambiamenti che subirà il nostro modo di vivere entro il 2050.

Perché proprio la stampante per abiti? La filosofia che sta dietro la creazione della stampante 3D, rimasta comunque solo un progetto, consiste nel favorire la produzione di abbigliamento in casa riducendo non solo gli abiti gettati, ma anche l’acquisto di nuovi. “Abbiamo scoperto che l’industria dell’abbigliamento fa un uso estremamente dispendioso e inefficiente delle nostre risorse. L’abbigliamento viene spedito in diversi luoghi prima di essere distribuito al consumatore. Inoltre, la durata della vita di un abito è solo di pochi anni, poi non viene né smaltito né riutilizzatoha spiegato Harris. Nella sua ipotesi più “estrema” tale sistema potrebbe addirittura eliminare la necessità di armadi.

Senza contare che avere ogni giorno nuovi abiti sarebbe per i modaioli un sogno che si realizza. Unico difetto? Per il momento è solo un concept…

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Cambio di stagione: i 5 modi per “riciclare con stile” i vostri vecchi

La felpa garantita 10 anni contro l’obsolescenza programmata

L’Alta Moda deve ripulirsi: guanto di sfida a 25 grandi griffe

Behind the label: il documentario che guarda dietro l’etichetta dei vestiti

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook