Sneature, le sneakers biodegradabili fatte con il micelio dei funghi e il pelo (perso naturalmente) dei cani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A differenza delle scarpe tradizionali, che utilizzano tra gli 8 e i 12 componenti diversi e sono quasi impossibili da smontare e riciclare, Sneature utilizza solamente tre materiali totalmente biodegradabili.

L’industria della moda è tra le più inquinanti al mondo.  Pensiamo alle scarpe, spesso messe via dopo poco tempo, per produrne un paio si utilizzano diversi materiali – tra cui gomma, tessuto e varie materie plastiche – rendendo quasi impossibile e poco redditizio per le aziende smontarle e riciclarle dopo l’uso. Per affrontare il problema e offrire una soluzione, la designer tedesca Emilie Burfeind ha creato delle sneakers a calzino ecologiche e biodegradabili utilizzando solo materiali di scarto.

©Emilie Burfeind

Le Sneature, un gioco di parola tra sneaker e natura, sono state create utilizzando solo tre materiali rinnovabili a base biologica. La suola è realizzata con il micelio dei funghi e la tomaia tessuta in 3D realizzata con i residui vegetali e il pelo dei cani perso durante la toelettatura, e che altrimenti sarebbe stato scartato.

A differenza degli animali che vengono allevati e tenuti esclusivamente per la produzione di fibre, i peli di cani non sono un peso aggiuntivo per l’ambiente perché sono una risorsa che esiste a prescindere. Con questi peli si realizza un filato di alta qualità usato storicamente dalle società indigene sulla costa occidentale degli Stati Uniti.

©Emilie Burfeind

Invece per la suola si mischia il micelio – la struttura dei fili dei funghi –  con un substrato di cellulosa a base di canapa e di altri prodotti di scarto agricolo che poi verranno immersi nella gomma naturale liquida per renderla idrorepellente.

“Poiché Sneature è costituita da materiali di scarto biologici, non è necessaria alcuna energia per la loro produzione, ma solo per la loro ulteriore lavorazione”, ha affermato Burfeind.

In effetti, l’energia necessaria per i processi di lavorazione e produzione come la filatura o il lavoro a maglia in 3d è decisamente minore rispetto all’estrazione di materie prime a base di petrolio, il che diminuisce notevolmente l’impatto ambientale nella produzione di un paio di scarpe.

©Emilie Burfeind

Questa sneakers senza lacci è fondamentalmente un calzino senza cuciture, che si basa sulla tecnologia di lavorazione a maglia in 3D ed è realizzata esclusivamente con materiali riciclati e biodegradabili. Un progetto con un gran potenziale che potrebbe trasformare radicalmente l’industria delle scarpe. Riguardo l’estetica, a voi il giudizio.

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook