@Guardia di Finanza

Con gli europei tornano le invasioni di gadget contraffatti: sequestrati oltre 1,6 milioni di maglie e mascherine della Nazionale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Abiti, mascherine e gadget di Euro 2020 contraffatti e venduti comunemente a Napoli e dintorni. Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza della città ha sequestrato oltre 1,6 milioni di articoli contraffatti e non sicuri, tra cui capi di abbigliamento e dispositivi di protezione individuale legati ai campionati europei di calco, in corso in questi giorni.

Secondo quanto riferito dalle Fiamme Gialle, i tantissimi prodotti sequestrati erano privi delle certificazioni minime di sicurezza e di indicazioni per il consumatore. Mancavano  l’importatore, il produttore e la descrizione delle caratteristiche in italiano.

Abiti e mascherine sicuramente in circolazione da giorni e purtroppo già finite nelle mani e sul corpo di chi le ha acquistate. La maggior parte dei sequestri è avvenuta  nel quartiere Barra, in un negozio gestito da cittadini cinesi, e tra i quartieri Fuorigrotta e in zona Stazione a venditori abusivi. Presenti anche prodotti contraffatti o non conformi di note griffe (Chanel, Dior, Louis Vuitton, Nike, Adidas, Gucci, Supreme, Fendi, Reebok, Moschino, Prada, Burberry), tra cui tute e maglie della nazionale di calcio.

Anche in provincia di Napoli, a Sant’Antimo e Giugliano, i finanzieri hanno sequestrati 35mila articoli non sicuri rispettivamente presso un emporio cinese e a degli ambulanti, tra accessori per la cura della persona e bandiere tricolori, maglie e vari gadget della nazionale. Stessa storia si è ripetuta anche a Pompei e a Torre del Greco dove sono statu sequestrati in un emporio cinese e ad un commerciante ambulante, 5500 gadget connessi ai campionati europei di calcio privi delle indicazioni minime per il consumatore sull’origine, provenienza e sulla qualità.

Coinvolte anche le mascherine

Se già gli indumenti destano preoccupazione, lo fanno ancora di più le mascherine non a norma. Ne sono state sequestrate circa 18mila n un negozio di abbigliamento di Nola e presso un rivenditore all’ingrosso di biancheria di Ottaviano. Spiega la Guardia di Finanza che

l’operazione rientra nel quadro dell’intensificazione dell’attività di prevenzione e repressione della contraffazione, uno dei fenomeni su cui maggiormente si concentrano le speculazioni legate all’emergenza Covid-19, programmata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli a tutela dei cittadini in concomitanza con l’avvio dei campionati europei di calcio euro 2020.

Fonti di riferimento: Guardia di Finanza

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook