Le scarpe da tennis vegan fatte con scarti del caffè e plastica riciclata

sneacker caffè

Da oggi il tennis è vegano ed eco-friendly! Il marchio di sneakers tedesco nat-2 ha infatti lanciato una nuova linea di scarpe ecologiche create dagli scarti del caffè, plastica riciclata e materiali naturali. 100% vegane, sono unisex e disponibili in due modelli, alto e basso, e sono ricoperte da uno strato di materiale che emanerà il profumo naturale del caffè.

Il materiale brevettato è stato sviluppato in Germania, mentre le scarpe vere e proprie sono realizzate interamente a mano in Italia e prodotte in condizioni eque in una nuova struttura high tech a conduzione familiare.

Lo scopo? Non contribuire all’aumento di sostanze inquinanti e alle emissioni di anidride carbonica. È per questo che per il rivestimento della scarpa, l’azienda ha sostituito la pelle con un materiale proveniente dal riciclo di bottiglie di plastica, mentre la sua copertura color cioccolato proviene al 50% da caffè riciclato (il tipo di caffè utilizzato varia in base alla disponibilità), che fornisce una texture simile alla pelle scamosciata.

Le suole sono in vera gomma, preferita all’alternativa sintetica non sostenibile, più dannosa per i lavoratori e per l’ambiente, così come eco-friendly è anche la colla a base di acqua impiegata per l’assemblaggio dei vari componenti della sneakers. La suola interna, infine, è fatta di sughero antibatterico naturale.

sneacker caffè 2sneacker caffè 3sneacker caffè 1

Il prezzo? Non è esattamente sostenibilissimo, considerando che partono dai 300 euro (qui trovate i modelli vegan), ma volete mettere camminare in una scarpa totalmente amica dell’ambiente all’odor di caffè?

Leggi anche:

Germana Carillo

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

corsi pagamento

seguici su facebook