Victoria’s Secret nella bufera: centinaia di reggiseni gettati nel cassonetto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Victoria’s Secret è tra i marchi di moda che generano troppi sprechi. L’attenzione sull’argomento si è riaccesa dopo che sono stati ritrovati centinaia di reggiseni gettati nei cassonetti di fronte a uno store chiuso in Colorado.

Melanie Gelinas, una residente di Centennial, in Colorado, stava portando fuori la spazzatura quando ha notato alcuni reggiseni scartati nel cassonetto. Avvicinandosi, la donna si è accorta che si trattava di pile di reggiseni di Victoria’s Secret, nuovi, che erano stati gettati via.

I capi scartati sono stati trovati insieme ad altri prodotti Victoria’s Secrets di fronte al luogo in cui, fino a poco prima, era aperta una filiale del noto negozio di lingerie.

E’ stata per prima la donna stessa ad indignarsi, fotografando quanto visto, e dichiarando alla rete di notizie americana 9News:

“Dovevano essere centinaia di reggiseni e ho solo pensato, ‘ Che spreco’. Questi finiranno tutti in discarica e invece potrebbero andare in un rifugio per senzatetto o in un rifugio per donne maltrattate”

Foto © Melanie Gelinas/ 9news.com

Immediata la risposta di una portavoce di Victoria’s Secret che ha dichiarato:

“Siamo spiacenti per come potrebbe sembrare. Dato che questo negozio stava chiudendo, abbiamo eliminato i prodotti campione, tra cui reggiseni, dai nostri camerini. Tutto l’inventario rimanente è stato riassegnato ad altri negozi”

Purtroppo, gettare o bruciare i prodotti di inventario che non possono essere venduti ma che potrebbero invece essere donati è un grosso problema nel settore della vendita al dettaglio e i negozi ricorrono spesso a misure estreme come queste per proteggere l’immagine del loro marchio.

Diversi altri grandi brand sono stati accusati di cose simili in passato. Tra questi Nike, H&M, Burberry ed Eddie Bauer che sono finiti sotto il mirino degli attenti consumatori che li hanno aspramente criticati per i loro comportamenti decisamente poco ecocompatibili  e inaccettabili, considerando che quella della moda è una delle industrie più inquinanti.

Gli indumenti non solo potrebbero essere donati e riutilizzati ma si eviterebbe anche il costo ambientale del loro smaltimento in discarica o dell’incenerimento. E questo non è poco.

La Francia ha già pensato di dire no alla possibilità di distruggere i vestiti invenduti o di campionario, una scelta che dovrebbe essere condivisa anche dal resto del mondo. Un obbligo morale e materiale che è necessario si assumano tutti i marchi di moda.

Stavolta a finire nel mirino è stata Victoria’s Secret, tra l’altro proprio in un momento già critico per il marchio, accusato recentemente da un’inchiesta del New York Times di aver “diffuso bullismo e molestie su dipendenti e modelle” e una radicata cultura misogina. Tutto questo ha portato a delle vere e proprie proteste che si sono svolte di fronte allo store di New York.

Fonte: The Guardian/ New York Times

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook